Benvenuti!

CALENDARIO PARROCCHIALE

Febbraio

Giovedi 21 · S. Pier Damiani; B. Maria Enrica Dominici; B. Natale pinot

Il Signore dal cielo ha guardato la terra.

Gen 9,1-13; Sal 101; Mc 8,27-33.

Ore 17,00 S. Messa.


Venerdi 22 · CATTEDRA DI SAN PIETRO - S. Pascasio; S. Margherita da Cortona

Il Signore e' il mio pastore: non manco di nulla.

1Pt 5,1-4; Sal 22; Mt 16,13-19.


Sabato 23 · S. Policarpo; B. Giuseppina Vannini; Beato Nicola Tabouillot

O Dio, voglio benedire il tuo nome in eterno.

Eb 11,1-7; Sal 144; Mc 9,2-13.


Domenica 24 · 7.a Tempo Ordinario - S. Modesto; B. Tommaso M. Fusco

Il Signore e' buono e grande nell’amore.

1Sam 26,2.7-9.12-13.22-23; Sal 102; 1Cor 15,45-49; Lc 6,27-38.

Ore 16,30 Oratorio
Ore 18,00 S. Messa
La statua di S. Agata viene riposta sul suo altare.


Lunedi 25


Martedi 26


Mercoledi 27


LITURGIA

SANT’AGATA… “IMMOBILE COLONNA”

La Patrona di Alì viene celebrata il 5 febbraio. Il 17 agosto di ogni anno viene ricordata la traslazione delle Reliquie da Costantinopoli a Catania, passando per la terra di Alì.
30-01-19

Sant’Agata il cui nome in greco Agathé, significava buona, fu martirizzata verso la metà del III secolo, alcuni reperti archeologici risalenti a pochi decenni dalla morte, avvenuta secondo la tradizione il 5 febbraio 251, attestano il suo antichissimo culto.
Nacque nei primi decenni del III secolo (235?) a Catania; la Sicilia, provincia romana, così come le altre parti del grande impero, era soggetta alle persecuzioni contro i cristiani. Persecuzioni che erano cominciate, sia pure occasionalmente, intorno al 40 d.C. con Nerone; nel II e III secolo, furono giustificate da una legge che vietava il culto cristiano.
Nel 249 l’imperatore Decio, visto il diffondersi  del cristianesimo, fu ancora più drastico: tutti i cristiani, per il solo fatto di essere tali, [leggi tutto]


leggi tutte..

Notizie da chiesacattolica.it


mail Contatta la Parrocchia
parrocchia@santagataali.it

S. AGOSTINO D'IPPONA

Uomo colto e figlio di S. Monica
28-08-18


Figlio di un modesto possidente di religione pagana, Patrizio, e di madre cristiana, Monica, Aurelio Agostino è nato nel 354 d.C. a Tagaste, una piccola cittadina della provincia romana della Numidia. Ha studiato a Madaura, dove si è dedicato alla retorica, e a Cartagine, dove, non ancora ventenne ha avuto un figlio, Adeodato, dalla relazione con una concubina. Professore di eloquenza a Tagaste e a Cartagine, indirizzato alla filosofia dalla lettura dell’Hortensius di Cicerone, è aderito alla setta del Manicheismo che, seguendo la teoria dei due principi opposti di Bene e di Male, approfondiva il problema della corruzione del mondo e del male morale e cosmico. Nel Manicheismo Agostino ha visto una spiegazione scientifica dell’universo. Trasferitosi a Roma, si è dedicato all’insegnamento della retorica e dello scetticismo. Dal prefetto Simmaco ha ottenuto la nomina di professore a Milano, dove è stato accolto dal Vescovo Ambrogio. Qui ha iniziato una nuova vita insieme alla sua donna ed alla madre. Per due anni ha seguito le prediche di Ambrogio ed in lui è maturata la propria crisi spirituale. La vita di Agostino è stata una continua ricerca della verità e una continua lotta contro l'errore: era un uomo inquieto, insoddisfatto delle verità comode e consolanti.

La lettura di San Paolo gli ha rivelato Cristo e la sua grazia. Lasciata la cattedra, si è ritirato a Cassiciaco, dove ha iniziato a scrivere i Dialoghi. Tornato a Milano, è stato battezzato la notte di Pasqua del 387 dal Vescovo della città Ambrogio. Nel 391 si è recato ad Ippona, dove, per acclamazione popolare, è stato ordinato sacerdote dal vescovo Valerio, di cui è diventato coadiutore e che poi lo ha consacrato vescovo, nominandolo suo successore. Ha svolto un'intensissima attività pastorale e di studio fino alla morte, continuando la predicazione, le discussioni pubbliche, gli innumerevoli scritti, ma specialmente le polemiche contro manichei, donatisti e pelagiani. Con Agostino è giunta a piena maturità la filosofia cristiana ed in particolare la Patristica. Mentre Ippona subiva l'assedio dei Vandali, Agostino moriva a 79 anni, nel 430 d.C.




twitter logo

"Da domani vivremo alcune giornate di dialogo e comunione, di ascolto e discernimento. Possano essere un tempo di co… https://t.co/mLnhkrCM2C"

Tweetato il 20 Febbraio da Papa Francesco


s.agata logo
candela

Antonia
per
i propri defunti
22-10-15

candela

Antonio
per
In onore di S. Agata
10-03-15

candela

Agata
per
i propri cari
26-01-15

candela

Maria
per
in onore di S.Agata
16-01-15

candela

Paolo
per
Nonna Sara
28-12-14


fai una donazione e
Accendi una candela


Tutte le Opere Parrocchiali vivono della Generosità delle Vostre Offerte
Versamento su C/C Postale 10633980
intestato a:
Parrocchia S. Agata - ALI'



Tutte le richieste di sottoscrizione/cancellazione richiedono una conferma via mail.