Benvenuti!

CALENDARIO PARROCCHIALE

Ottobre

Sabato 20 · S. Cornelio; S. Adelina; S. Maria Bertilla Boscardin

Hai posto il tuo Figlio sopra ogni cosa.

Ef 1,15-23; Sal 8; Lc 12,8-12.


Domenica 21 · Ss. Orsola e c.; S. Malco I sett.

Donaci, Signore, il mo amore: in te speriamo.

Is 53,1O-1;: Sal 32; Eb 4,14-16; Mc 10,35-45.

S. Messa ore 18,30
Apertura anno Pastorale.


Lunedi 22 · S. Giovanni Paolo II

Il Signore ci ha fatti e noi siamo suoi.

Ef 2,1-10; Sal 99; Lc 12,13-21.


Martedi 23


Mercoledi 24


Giovedi 25


Venerdi 26


LITURGIA

S. TERESA DI LISIEUX: Non è mai andata in “missione”, ma è la Patrona delle Missioni.

La Santa del mese di ottobre
11-10-18

Teresa Martin nasce ad Alençon in Francia il 2 gennaio 1873, ultima di nove figli, di cui 5 religiose e gli altri 4 deceduti in tenerissima età. È battezzata due giorni più tardi nella Chiesa di Notre-Dame, ricevendo i nomi di Maria Francesca Teresa. I suoi genitori sono Louis Martin e Zélie Guérin. Dopo la morte della madre, avvenuta il 28 agosto 1877, Teresa si trasferisce con tutta la famiglia nella città di Lisieux.
Verso la fine del 1879 si accosta per la prima volta al sacramento della penitenza. Nel giorno di Pentecoste del 1883 ha la singolare grazia della guarigione da una grave malattia, per l'intercessione di nostra Signora delle Vittorie. Educata dalle Benedettine di Lisieux, riceve la prima comunione l'8 [leggi tutto]


leggi tutte..

Notizie da chiesacattolica.it


mail Contatta la Parrocchia
parrocchia@santagataali.it

CAPO ALI’ DOVREBBE RIAPRIRE IL 23 SETTEMBRE

La S.S. 114 è chiusa in quel tratto dal 9 settembre, per caduta massi. Intanto i cittadini si preparano alla manifestazione di domenica 20 settembre.
18-09-15

Tra qualche giorno la Strada Statale nel tratto di Capo Alì dovrebbe essere riaperta. L’ora x dovrebbe scattare mercoledi 23 settembre, sempre che non ci siano ulteriori rinvii o ripensamenti. L’avvio dei lavori di rimozione dei massi caduti sull’asfalto e di quelli staccatisi dalla collina e trattenuti dalle reti e la sostituzione delle stesse reti paramassi ormai danneggiate, dovrebbero consentire, la prossima settimana, se verranno mantenute le promesse, la riapertura di una corsia dell’importante arteria. Ciò consentirà il transito a senso unico alternato ad intervalli di 15 minuti, per permettere anche le operazioni dei rocciatori.

La strada è stata chiusa lo scorso 9 settembre a causa delle pietre riversatesi sul selciato per le incessanti piogge rovesciatesi su tutta la Sicilia la settimana scorsa. Si è trattato di una perturbazione ancora estiva che ha interessato il Meridione d’Italia, così come giorni precedenti si era verificato, forse con maggiore intensità, nelle altre regioni della Penisola. Ma per Capo Alì è stato come aver assistito ad un film già visto, una replica trasmessa di continuo che ha stufato gli spettatori. Veder chiudere per l’ennesima volta una strada di vitale importanza per l’economia e la sicurezza dei Comuni jonici ancora nel periodo estivo, ha lasciato presagire un inverno piuttosto duro su questo fronte. Il timore di dover rivivere un disagio che si ripete tutti gli inverni, per periodi anche lunghi, ha mandato su tutte le furie gli automobilisti che quotidianamente percorrono l’arteria, costringendoli a bypassare l’ostacolo raggiungendo il casello autostradale (allungando di non poco il percorso) o utilizzando una strada di campagna che collega Itala ad Alì (anche in questo caso percorrendo parecchi chilometri in più), poco agevole soprattutto nelle ore notturne perché presenta molti tratti stretti. Anche questa stradina, nonostante da poco sia stata oggetto di interventi con finanziamenti pubblici, di recente è stata chiusa per il verificarsi di alcune frane.

Il fatto che ormai sia giunto il momento di programmare interventi seri e duraturi per risolvere definitivamente il problema Capo Alì, senza dover ricorrere a provvedimenti tampone ogni qual volta si presenta l’emergenza, con soluzioni poco efficaci e duraturi, è attestato dal fatto che nonostante la notizia di parziale riapertura, i cittadini dei comuni interessati sono decisi a manifestare, così come previsto, la propria indignazione, domenica 20 settembre alle 10,30 con un sit-in proprio a Capo Alì. I due gruppi di manifestanti si raduneranno a Piazza Cuppari a Itala e in Piazza Madre Morano ad Alì Terme per incamminarsi ed incontrarsi proprio nel punto attualmente interdetto al transito veicolare e pedonale.

“La chiusura di una strada statale essenziale per la mobilità di un territorio – dice uno degli organizzatori - al Nord non sarebbe stata tollerata neanche per mezz’ora, evidentemente noi siamo ritenuti cittadini di serie B. Ma siamo noi a dover far valere i nostri diritti, così come fanno altrove, altrimenti nel nostro territorio non si muoverà mai nulla!”.

Quanto accaduto a Capo Alì è l’ultimo esempio di come è ridotta la rete viaria siciliana e l’ennesimo episodio che rappresenta alla perfezione come la politica regionale, nazionale e locale sia miope e inetta dinnanzi ai reali problemi dell’Isola, che, inesorabilmente abbandonata a se stessa, stenta a risollevare la testa.




twitter logo

"Il lievito dei cristiani è lo Spirito Santo che ci fa crescere con tutte le difficoltà del cammino ma sempre nella speranza. #SantaMarta"

Tweetato il 19 Ottobre da Papa Francesco


s.agata logo
candela

Antonia
per
i propri defunti
22-10-15

candela

Antonio
per
In onore di S. Agata
10-03-15

candela

Agata
per
i propri cari
26-01-15

candela

Maria
per
in onore di S.Agata
16-01-15

candela

Paolo
per
Nonna Sara
28-12-14


fai una donazione e
Accendi una candela


Tutte le Opere Parrocchiali vivono della Generosità delle Vostre Offerte
Versamento su C/C Postale 10633980
intestato a:
Parrocchia S. Agata - ALI'



Tutte le richieste di sottoscrizione/cancellazione richiedono una conferma via mail.