Dal 21 aprile hanno avuto inizio i "Martedì in onore di S. Agata". S. Messa alle ore 18.30.

CALENDARIO PARROCCHIALE

Ottobre

Giovedi 22


Venerdi 23


Sabato 24


Domenica 25


Lunedi 26


Martedi 27


Mercoledi 28


LITURGIA

San Rocco, uno dei santi taumaturghi più popolari in Occidente.

Tutti lo invocavano tra il Medioevo e l’Ottocento in occasione del rinnovarsi delle epidemie di peste.
11-08-20



San Rocco è per questo anche uno dei santi occidentali più raffigurati.

Lo rappresentarono ogni genere di artisti: tanto quelli semplici dell’arte popolare, quanto alcuni tra i più gettonati come Tintoretto, Michelangelo, Ludovico Carracci, Guido Reni, Botticelli.

E tutti lo hanno dipinto o scolpito nello stesso modo, in un modo che serve a ricordare la sua storia, la storia di un pellegrino, con bastone, mantello, bisaccia, sandali, che va, nonostante una piaga sulla gamba, che cammina in compagnia di un cane, suo unico amico.

Rocco non era italiano, ma francese. Nacque a Montpellier in una famiglia agiata della grande borghesia mercantile tra il 1345 ed il 1350.

Secondo la tradizione, una volta [leggi tutto]


leggi tutte..

Notizie da chiesacattolica.it


mail Contatta la Parrocchia
parrocchia@santagataali.it

ALI' - COMPLETATA LA LISTA DEI CILIARI CHE NEL 2016 SI OCCUPERANNO DELLA FESTA GRANDE IN ONORE DI S. AGATA

Elemento discriminante nella scelta è stato l’effettivo domicilio. L’annuncio ufficiale sarà dato il prossimo 5 febbraio, giorno della festa liturgica della Santa. Questa ed altre notizie sono pubblicate sul nuovo numero del giornalino parrocchiale “Agathae sub alis…”, disponibile da domenica 13 dicembre, in Parrocchia e scaricabile dalla sezione "Scarica il giornalino".
11-12-15

Sono stati individuati i ciliari che si occuperanno, durante la prossima estate, dei preparativi che porteranno alla Festa Grande edizione 2016. La sottocommissione, formata da alcuni Deputati di S. Agata, incaricata dal Parroco, ha verificato la disponibilità delle famiglie che dovrebbero far parte dei Ciliari.

Secondo quanto stabilito già nel 2005, con delibera della Deputazione di S. Agata, sono state contattate quelle famiglie che non solo hanno residenza nel nostro Comune, ma il cui domicilio effettivo ricade nella via interessata per il Cilio.

Quelle famiglie che non hanno il domicilio effettivo, saranno, come stabilito, nominate “Ciliari onorari”.

Terminato il lavoro, la sottocommissione di S. Agata, ha relazionato al Parroco e a tutti gli altri Deputati, consegnando loro l’elenco dei nominativi di quanti hanno accolto la proposta.

E’ quello dei Ciliari un ruolo di grande importanza e anche oneroso: da loro dipende la riuscita della Festa.

I ciliari del pane dovranno predisporre tutto il necessario per la preparazione del pane azzimo che servirà nei giorni di festa per essere distribuito ai fedeli e per addobbare il proprio cilio, quello del pane appunto, che sarà portato in processione nell’ultimo giorno di festa. Bisogna provvedere dunque ad individuare i locali per l’impasto e la cottura, comprare tutto il necessario e coinvolgere tutta la comunità che volentieri si prodiga in queste operazioni.

I ciliari delle ragazze, invece, si occupano dell’altra varetta, anche questa portata in processione l’ultimo giorno della festa. Su di essa trovano posto le due ragazze che interpreteranno S. Agata e S. Caterina. In questo caso l’addobbo sarà costituito dai monili d’oro che previamente sono stati raccolti ad Alì e nei paesi vicini (Alì Terme, Itala e Fiumedinisi) in prestito e, a volte, in dono per la Santa.

L’impegno e la responsabilità sono piuttosto gravosi anche perché dal lavoro profuso dipende la riuscita della festa. Ma nonostante tutto, per gli aliesi è un onore servire in questo modo la propria Patrona, anche se tante attività potrebbero sembrare superate, ma comunque conservate per rispettare una prassi antica che si tramanda chissà da quanto tempo. A volte è difficile capire operazioni, prassi, usanze e rituali effettuati, comprensibili solo se si vivono direttamente.

I ciliari, dunque, ci sono già e saranno investiti dell’incarico in modo ufficiale il prossimo 5 febbraio, durante la festa di S. Agata. I due elenchi così ottenuti, infatti, sono stati chiusi in una busta sigillata che sarà aperta tra poco meno di due mesi. Ovviamente, alcuni nominativi già circolano in paese, anche perché la scelta non è casuale, ma dipende da una rotazione che tiene conto dell’abitazione (l’effettivo domicilio è elemento fondamentale) che ricade nella via interessata. Ed ovviamente se si ricordano le vie in cui sono “passati” i cilii nella scorsa edizione e si ricorda l’ultima famiglia di quella strada che vi ha preso parte è naturale che questa volta gli incaricati saranno scelti dall’abitazione successiva a quella risultata ultima nel 2006. Bisogna poi tener conto delle famiglie che hanno preferito rinunciare. Le vie interessate in questa edizione sono: quel che rimane della via Golia, il quartiere Immacolata e parte della via Roma per il cilio delle Ragazze; le vie Forza e SS. Rosario per il cilio del Pane. Dunque, un cilio rimane in paese, l’altro già nel 2006 si era diretto verso Ariella ed in questa edizione sarà costituito esclusivamente dagli abitanti di questo rione.

Prossima tappa sarà la scelta delle bambine che interpreteranno i ruoli di S. Agata e S. Caterina. Anche in questo caso si tratta di ruoli particolarmente ambiti, soprattutto dai genitori! A chi non farebbe piacere vedere la propria figlioletta vestita in ghingheri ad occupare un posto sul cilio durante la processione. Senza considerate che la festa si fonda anche sulla pantomima delle due fanciulle che dovranno imparare l’arte della tessitura e che saranno presenti a tutte le manifestazioni che vedranno come protagonisti i componenti del relativo cilio, sin dall’apertura ufficiale dei preparativi.

Siamo ormai prossimi all’importante evento, mancano pochi mesi e tanto ancora dev’essere fatto per festeggiare la nostra Patrona secondo una prassi che si tramanda da generazione in generazione. Saranno mesi intensi quelli che ci attendono, se si vuole attuare un vero percorso di fede senza tralasciare gli eventi folkloristici che rendono la festa più affascinante.




twitter logo

"San #GiovanniPaoloII, appassionato per la vita e affascinato per il mistero di Dio, del mondo e dell’uomo, è stato… https://t.co/S0RdLMA0Lv"

Tweetato il 22 Ottobre da Papa Francesco


s.agata logo
candela

Antonia
per
i propri defunti
22-10-15

candela

Antonio
per
In onore di S. Agata
10-03-15

candela

Agata
per
i propri cari
26-01-15

candela

Maria
per
in onore di S.Agata
16-01-15

candela

Paolo
per
Nonna Sara
28-12-14


fai una donazione e
Accendi una candela


Tutte le Opere Parrocchiali vivono della Generosità delle Vostre Offerte
Versamento su C/C Postale 10633980
intestato a:
Parrocchia S. Agata - ALI'



Tutte le richieste di sottoscrizione/cancellazione richiedono una conferma via mail.