Benvenuti!

CALENDARIO PARROCCHIALE

Agosto

Martedi 14 · S. Massimiliano M. Kolbe

Quanto sono dolci al mio palato le tue promesse, Signore.

Ez 2,8 - 3,4; Sal 118; Mt 18,1-5.10.12-14.

Ultimo martedi in onore di S. Agata.
S. Messa ore 19,00.


Mercoledi 15 · ASSUNZIONE B.V. MARIA

Risplende la Regina, Signore, alla tua destra.

Ap 11,19a; 12,1-6a.10ab; Sal 44; 1Cor 15,20-27a; Lc 1,39-56.

S. Messa ore 19,00.


Giovedi 16 · S. Rocco, patrono di Ali' Terme

Proclameremo le tue opere, Signore.

Ez 12,1-12; Sal 77; Mt 18,21 - 19,1.


Venerdi 17 · Anniversario Dedicazione Chiesa Madre e Festa del Patrocinio di S. Agata

Letture proprie.

S.S. Messe:
ore 11,00
ore 19,00, a seguire processione breve.


Sabato 18 · S. Elena

Crea in me, o Dio, un cuore puro.

E2 18,1-10.13b.30-32; Sal 50; Mt 19,13-15.


Domenica 19 · XX di Tempo Ordinario - S. Giovanni Eudes

Gustate e vedete com'e' buono il Signore.

Pr 9,1-6; Sal 33; Ef 5,15-20; Gv 6,51-58.

S. Messa ore 19,00.


Lunedi 20


LITURGIA

San Rocco, uno dei santi taumaturghi più popolari in Occidente.

Tutti lo invocavano tra il Medioevo e l’Ottocento in occasione del rinnovarsi delle epidemie di peste.
12-08-18



San Rocco è per questo anche uno dei santi occidentali più raffigurati.

Lo rappresentarono ogni genere di artisti: tanto quelli semplici dell’arte popolare, quanto alcuni tra i più gettonati come Tintoretto, Michelangelo, Ludovico Carracci, Guido Reni, Botticelli.

E tutti lo hanno dipinto o scolpito nello stesso modo, in un modo che serve a ricordare la sua storia, la storia di un pellegrino, con bastone, mantello, bisaccia, sandali, che va, nonostante una piaga sulla gamba, che cammina in compagnia di un cane, suo unico amico.

Rocco non era italiano, ma francese. Nacque a Montpellier in una famiglia agiata della grande borghesia mercantile tra il 1345 ed il 1350.

Secondo la tradizione, una volta [leggi tutto]


leggi tutte..

Notizie da chiesacattolica.it


mail Contatta la Parrocchia
parrocchia@santagataali.it

ALI’ OSPITERA’ LA CASSA IN CUI SONO STATE TRASPORTATE LE RELIQUIE DI S. AGATA NEL 1126

Da ogni parte si stanno delineando i programmi della festa grande 2016, ma questo è sicuramente un avvenimento molto importante che sarà apprezzato dai fedeli: il 20 agosto, secondo giorno di festa, la teca in cui è stato portato il corpo martirizzato di Agata a Catania, sarà nella nostra comunità.
15-07-16

Il sarcofago che nel 1126 ha riportato in Patria le spoglie mortali di Agata, ripassa per Alì. Ormai è ufficiale, Padre Vincenzo è riuscito ad ottenere il grande dono di avere nella nostra Comunità quanto resta di quella cassa di legno che 890 anni or sono passò dal nostro territorio, durante il trasporto verso Catania. Proprio da quella cassa è stato prelevato un pezzo del velo che avvolgeva le reliquie della giovane martire e che venne donato agli aliesi dell’epoca, accorsi in preghiera per venerare quelle sacre spoglie. Questo antico cimelio si trova a Catania nel Santuario Sant'Agata al Carcere ed è collocato in una bacheca di vetro, proprio accanto all’ingresso di quello che fu il carcere di Agata. Esso non è arrivato integro ai giorni nostri, ma se ne conserva solo il pezzo frontale.

Stamattina, Padre Vincenzo, a seguito di alcuni contatti precedenti, ha presentato al Rettore del Santuario Sant'Agata al Carcere, Padre Carmelo Asero, la richiesta, avallata anche dal Vicario Generale dell’Arcidiocesi di Messina, di avere nella nostra comunità questa reliquia. P. Asero l’ha subito recapitata all’Episcopio, dove l’Arcivescovo di Catania l’ha approvata immediatamente. Anche questa celerità è un segno della stima e della benevolenza di cui il popolo aliese gode negli ambienti ecclesiastici della città etnea. Si consideri che questo pezzo di legno a Catania è venerato come una delle reliquie di S. Agata più preziose. Inoltre, così come avvenne per il velo portato ad Alì nel 2008, anche questa cassa è la prima volta che esce dal territorio dell’Arcidiocesi di Catania. Per questo non possiamo che essere grati all’Arcivescovo, Mons. Gristina.

Il grande evento si svolgerà il sabato della Festa Grande, il 20 agosto 2016, inserendosi perfettamente nei festeggiamenti in programma. Ancora si dibatte sul fatto che siano stati gli aliesi a volere S. Agata Patrona di Alì o, piuttosto, la medesima a voler estendere il suo Patrocinio su quella piccola porzione di territorio siculo. Comunque è a seguito della traslazione delle reliquie della Santa in quell'urna che noi oggi continuiamo a celebrare la nostra festa.

Quel giorno, il cerimoniale solito potrebbe subire qualche cambiamento, per dare spazio a questo grande avvenimento. La giornata, infatti, si prevede essere particolarmente intensa.

L’arrivo della reliquia è previsto alle ore 10 e sarà accolta dalla comunità all’ingresso del paese, che da lì si sposterà in chiesa per i saluti di rito e per la celebrazione eucaristica (ore 11). Subito dopo sarà esposta alla venerazione dei fedeli. Nel pomeriggio si terrà un convegno sulla vita e il martirio della giovane Agata. All’imbrunire, poi, un altro evento ci consentirà di fare un altro tuffo nel passato: sul sagrato della chiesa sarà eseguita la “Cantata di S. Agata”. Si tratta di una composizione, scritta nel 1656 dall’Arciprete di Alì, Mons. Pietro Antonio Zorria, sul passaggio delle reliquie dal nostro paese, declamata da alcuni parrocchiani aliesi. Attività queste svolte con il supporto dell'Associazione Alias.

Il programma non è ancora definitivo, ma per sommi capi dovrebbero essere questi i passaggi salienti.

Padre Vincenzo ha detto: «Questo momento è molto significativo, perché rappresenta un ritorno alle origini della devozione agatina degli aliesi».

R.R.




twitter logo

"Anche oggi ci sono tanti martiri, tanti perseguitati per amore di Cristo: sono loro la vera forza della Chiesa!"

Tweetato il 14 Agosto da Papa Francesco


s.agata logo
candela

Antonia
per
i propri defunti
22-10-15

candela

Antonio
per
In onore di S. Agata
10-03-15

candela

Agata
per
i propri cari
26-01-15

candela

Maria
per
in onore di S.Agata
16-01-15

candela

Paolo
per
Nonna Sara
28-12-14


fai una donazione e
Accendi una candela


Tutte le Opere Parrocchiali vivono della Generosità delle Vostre Offerte
Versamento su C/C Postale 10633980
intestato a:
Parrocchia S. Agata - ALI'



Tutte le richieste di sottoscrizione/cancellazione richiedono una conferma via mail.