Benvenuti!

CALENDARIO PARROCCHIALE

Giugno

Mercoledi 20 · S. Gobano; S. Giovanni da Matera

Rendete saldo il vostro cuore, voi tutti che Sperate nel Signore.

2Re 2,1.6-14; Sal 30; Mt 6,1-6.16-18.


Giovedi 21 · S. Luigi Gonzaga; S. Rodolfo

Gioite, giusti, nel Signore.

Sir 48,1-14; Sal 96; Mt 6,7-15.

Ore 18,00 Adorazione Eucaristica, segue la S. Messa.


Venerdi 22 · S. Paolino da Nola; Ss. Giovanni F. e Tommaso M.

Il Signore ha scelto Sion, l'ha voluta per sua residenza.

2Re 11,1-4.9-18.20; Sal 131; Mt 6,19-23.


Sabato 23 · S. Giuseppe Cafasso; S. Lanfranco

La bonta' del Signore durera' in eterno.

2Cr 24,17-25; Sal 88; Mt 6,24-34.


Domenica 24 · NATIVITA' DI SAN GIOVANNI BATTISTA

Io ti rendo grazie: hai fatto di me una meraviglia stupenda.

Is 49,1-6; Sal 138; At 13,22-26; Lc 1,57-66.80.

S. Messa ore 19,00.


Lunedi 25


Martedi 26


LITURGIA

IL "SANTO DEL PANE"

La tradizione di benedire il pane in onore di S. Antonio e di distribuirlo in cambio di offerte a sostegno delle opere caritative affonda la propria origine nel miracolo della risurrezione, per intercessione del Santo di Tommasino.
13-06-18

Riproponiamo il racconto del miracolo della risurrezione del piccolo Tommasino come riportato da P. Vergilio Gamboso, ofm conv nel suo volume Libro dei miracoli di Sant’Antonio di Padova.               

Un bimbo di venti mesi, di nome Tomasino, i cui genitori avevano l’abitazione vicino alla chiesa del beato Antonio, in Padova, fu lasciato incautamente da sua madre accanto a un recipiente pieno d’acqua. Allorché quella donna fece ritorno a casa, vedendo emergere i piedi del bambino da quel mastello, vi si precipitò, e vide che la testa del figlio stava all’ingiù, nel fondo del recipiente, mentre i piedi si levavano sopra. Urlando trasse fuori il piccino, ormai rigido e [leggi tutto]


leggi tutte..

Notizie da chiesacattolica.it


mail Contatta la Parrocchia
parrocchia@santagataali.it

FG 2016 – GIOVANNA INTERDONATO: «HO APPRESO IL VALORE DI QUESTA TRADIZIONE POPOLARE»

Il pensiero di una giovane venuta ad abitare da poco ad Alì e subito rientrata nella cerchia dei Ciliari delle Ragazze.
01-08-16

Tra i Ciliari c’è anche una giovane che da pochi mesi si è trasferita in una nuova Comunità e subito dopo si è ritrovata assieme al marito Giuseppe Roma nell’organizzazione della festa più importante del paese, perché nominati nel gruppo delle Ragazze. Si tratta di Giovanna Interdonato, trasferitasi ad Alì dopo il matrimonio con Giuseppe.

Giovanna si è integrata facilmente nel gruppo dei Ciliari, composto da vicini di casa, che gradatamente stava imparando a conoscere. Questa nuova esperienza avrà sicuramente accelerato i tempi. Per lei si tratta di una festa nuova, mai vissuta e della quale forse aveva solo vagamente sentito parlare: mai avrebbe immaginato di doverne fare parte integrante. Queste le considerazioni che Giovanna fa sulla Festa Grande di S. Agata:

«Penso che nessuno oggi, soprattutto nessun giovane, può vivere come cristiano da solo, piuttosto bisogna cercare di integrarsi in un gruppo o in una comunità, nella quale possa condividere la propria fede, confrontare i propri dubbi e difficoltà, appoggiare i propri sforzi, sostenere il lungo cammino di maturazione. Per questo motivo vivo questa mia prima esperienza, nella partecipazione della festa grande, con entusiasmo. Soprattutto penso che questa sia un’esperienza che metta in moto, approfondendo ed interiorizzando personalmente, i processi del ”venire alla fede”.

In questi mesi mi hanno affascinato molto i racconti, le storie su questa grande festa imparando a conoscere ed apprezzare le tradizioni del paese di Alì.

Aprire il proprio cuore a queste usanze religiose credo che sia uno dei modi migliori – sempre efficace ed attuale – per sentirsi dunque parte integrante di una comunità compiendo un cammino di fede.

Nel momento in cui mio marito Giuseppe mi disse che quest’anno avremmo partecipato alla festa grande come Ciliari, io non sapevo di cosa esattamente si trattasse, sicuramente ho immediatamente pensato che per quanto sia una “Festa” sarebbe stata piuttosto impegnativa e quindi all’inizio ero dubbiosa, ma l’entusiasmo di mio marito mi ha coinvolto e abbiamo deciso di vivere queste emozioni, sentimenti religiosi, stati d'animo di riflessione verso eventi che appartengono alla storia di Alì, paese dove abbiamo scelto di vivere.

Attraverso video, foto e racconti delle feste grandi passate ho appreso il valore di questa tradizione popolare, immaginando come questa festa sarebbe stata e vissuta da noi in prima persona, tenendo conto a mio parere e qui condivido una frase di uno storico delle tradizioni popolari G. B. Bronzini "La festa come ogni dato culturale, non è mai uguale a se stessa…, varia col mutare delle condizioni economiche e sociali della comunità, migliora o peggiora d'anno in anno… Di qui la necessità di… seguirla e viverla nella sua ragione umana e sociale… La festa non è mai la stessa. In ciò consiste la storicità…"».

Giovanna Interdonato

Ciliara delle Ragazze




twitter logo

"La scelta di seguire Cristo favorisce l’edificazione di una società più giusta, più fraterna, più umana secondo il cuore di Dio."

Tweetato il 19 Giugno da Papa Francesco


s.agata logo
candela

Antonia
per
i propri defunti
22-10-15

candela

Antonio
per
In onore di S. Agata
10-03-15

candela

Agata
per
i propri cari
26-01-15

candela

Maria
per
in onore di S.Agata
16-01-15

candela

Paolo
per
Nonna Sara
28-12-14


fai una donazione e
Accendi una candela


Tutte le Opere Parrocchiali vivono della Generosità delle Vostre Offerte
Versamento su C/C Postale 10633980
intestato a:
Parrocchia S. Agata - ALI'



Tutte le richieste di sottoscrizione/cancellazione richiedono una conferma via mail.