Benvenuti!

CALENDARIO PARROCCHIALE

Giugno

Mercoledi 20 · S. Gobano; S. Giovanni da Matera

Rendete saldo il vostro cuore, voi tutti che Sperate nel Signore.

2Re 2,1.6-14; Sal 30; Mt 6,1-6.16-18.


Giovedi 21 · S. Luigi Gonzaga; S. Rodolfo

Gioite, giusti, nel Signore.

Sir 48,1-14; Sal 96; Mt 6,7-15.

Ore 18,00 Adorazione Eucaristica, segue la S. Messa.


Venerdi 22 · S. Paolino da Nola; Ss. Giovanni F. e Tommaso M.

Il Signore ha scelto Sion, l'ha voluta per sua residenza.

2Re 11,1-4.9-18.20; Sal 131; Mt 6,19-23.


Sabato 23 · S. Giuseppe Cafasso; S. Lanfranco

La bonta' del Signore durera' in eterno.

2Cr 24,17-25; Sal 88; Mt 6,24-34.


Domenica 24 · NATIVITA' DI SAN GIOVANNI BATTISTA

Io ti rendo grazie: hai fatto di me una meraviglia stupenda.

Is 49,1-6; Sal 138; At 13,22-26; Lc 1,57-66.80.

S. Messa ore 19,00.


Lunedi 25


Martedi 26


LITURGIA

IL "SANTO DEL PANE"

La tradizione di benedire il pane in onore di S. Antonio e di distribuirlo in cambio di offerte a sostegno delle opere caritative affonda la propria origine nel miracolo della risurrezione, per intercessione del Santo di Tommasino.
13-06-18

Riproponiamo il racconto del miracolo della risurrezione del piccolo Tommasino come riportato da P. Vergilio Gamboso, ofm conv nel suo volume Libro dei miracoli di Sant’Antonio di Padova.               

Un bimbo di venti mesi, di nome Tomasino, i cui genitori avevano l’abitazione vicino alla chiesa del beato Antonio, in Padova, fu lasciato incautamente da sua madre accanto a un recipiente pieno d’acqua. Allorché quella donna fece ritorno a casa, vedendo emergere i piedi del bambino da quel mastello, vi si precipitò, e vide che la testa del figlio stava all’ingiù, nel fondo del recipiente, mentre i piedi si levavano sopra. Urlando trasse fuori il piccino, ormai rigido e [leggi tutto]


leggi tutte..

Notizie da chiesacattolica.it


mail Contatta la Parrocchia
parrocchia@santagataali.it

A DICIANNOVE ANNI DAL FULMINE ABBATTUTOSI SULLA CUPOLA DELLA CHIESA MADRE DI ALI', SI RICORDA L’EVENTO CALAMITOSO

Dal 1997, tutti i martedi alle ore 15,20 suona una campana ed ogni 27 dicembre viene celebrata una Messa di ringraziamento.
28-12-16

Sono passati ormai diciannove anni da quando un fulmine è caduto sulla cupola della chiesa Madre di S. Agata, mentre era gremita di fedeli, per la celebrazione del funerale della signora Carmela Smeralda. Erano le 15,20 di sabato 27 dicembre 1997 quando, al momento della consacrazione, si sente un forte boato. L’edificio trema, la luce va via e dalla cupola piovono calcinacci e frammenti di vetrate in frantumi. Il tutto nella frazione di pochi secondi, che sembrano un’eternità. La gente in preda al panico grida, cerca i propri familiari e scappa in direzione delle porte d’uscita. Qualcuno prontamente riesce ad aprire la porta centrale.

Sono stati momenti di grande paura, ma fortunatamente nessuno ha riportato alcun genere di ferite. Illeso anche P. Vincenzo D’Arrigo che stava celebrando, proprio sotto la cupola. Anch’egli, vincendo lo choc iniziale, si è diretto verso le poche persone rimaste all’interno della chiesa, cercando di tranquillizzarle.

Il fulmine ha provocato serie lesioni alla cupola: frammenti di cornicioni sono caduti lungo le strade adiacenti. Danni si sono verificati anche all’interno di alcune abitazioni: vetri infranti, piastrelle saltate dalle pareti, televisori bruciati.

Sul posto si sono recati i carabinieri di Alì Terme ed i vigili del fuoco di Messina, per verificare se le strutture portanti dell’edificio fossero state danneggiate. Il paese è rimasto isolato per via di un guasto alle linee telefoniche. Il sopralluogo dei vigili del fuoco è proseguito l’indomani.

Solo il giorno successivo gli aliesi hanno preso coscienza della tragedia sfiorata. In piazza un via vai di gente silenziosa e in lacrime osserva le operazioni di sgombero dei detriti, ma soprattutto fissa lo sguardo verso la “ferita” della cupola. Le lancette dell’orologio della torre campanaria sono ferme alle 15,20. Ancora oggi vengono i brividi ricordando quella scena: il boato ed il fuggi-fuggi generale. Un raggio di fuoco penetra da una finestra, poi un’immensa nuvola di polvere. Gli aliesi hanno subito gridato al miracolo, memori del motto inciso nella parte alta della facciata della chiesa: «Agate sub alis, Alì nulla timebit» (sotto la protezione di Agata, Alì non avrà nulla da temere). S. Agata ancora una volta si è fatta garante presso Dio del suo popolo, contro le calamità naturali, così come avvenuto durante il terremoto del 1783. In quell'occasione l'unico danno registrato ad Alì è stata la caduta della statua della Patrona, posta in una nicchia della facciata della grande chiesa, come se la Santa avesse voluto addossare su se stessa tutti i danni, preservando così la popolazione.

Da allora, il 27 dicembre di ogni anno viene celebrata una Messa di ringraziamento ed ogni martedi (giorno in cui si ricorda la traslazione delle reliquie della Patrona) alle ore 15,20 suona una campana. Anche ieri durante la Messa Giubilare in onore di S. Agata, l’evento è stato ricordato.

Roberto Roma




twitter logo

"La scelta di seguire Cristo favorisce l’edificazione di una società più giusta, più fraterna, più umana secondo il cuore di Dio."

Tweetato il 19 Giugno da Papa Francesco


s.agata logo
candela

Antonia
per
i propri defunti
22-10-15

candela

Antonio
per
In onore di S. Agata
10-03-15

candela

Agata
per
i propri cari
26-01-15

candela

Maria
per
in onore di S.Agata
16-01-15

candela

Paolo
per
Nonna Sara
28-12-14


fai una donazione e
Accendi una candela


Tutte le Opere Parrocchiali vivono della Generosità delle Vostre Offerte
Versamento su C/C Postale 10633980
intestato a:
Parrocchia S. Agata - ALI'



Tutte le richieste di sottoscrizione/cancellazione richiedono una conferma via mail.