Benvenuti!

CALENDARIO PARROCCHIALE

Dicembre

Venerdi 14 · S. Giovanni della Croce

Chi ti segue, Signore, avra' la luce della vita.

Is 48,17-19; Sal 1; Mt 11,16-19.


Sabato 15 · S. Valeriano

Fa' splendere il tuo volto, Signore, e noi saremo salvi.

Sir 48,1-4.9-11; Sal 79; Mt 17,10-13.


Domenica 16 · III di avvento - S. Adelaide; S. Aggeo profeta

Canta ed esulta, perche' grande in mezzo a te e' il Santo d'Israele.

Sof 3,14-17; Cant. Is 12,2-6; Fil 4,4-7; Lc 3,10-18.

Inizia la Novena del S. Natale
S. Messa ore 17,30.


Lunedi 17 · S. Giovanni de Matha

Venga il tuo regno di giustizia e di pace.

Gen 49,2.8-10; Sal 71; Mt 1,1-17.

Novena e S. Messa ore 05,30.


Martedi 18 · S. Gaziano; S. Malachia profeta

Nei suoi giorni fioriranno giustizia e pace.

Ger 23,5-8; Sal 71; Mt 1,18-24.

Novena e S. Messa ore 05,30.


Mercoledi 19 · S. Anastasio I

Cantero' senza fine la tua gloria, Signore.

Gdc 13,2-7.24-25a; Sal 70; Lc 1,5-25.

Novena e S. Messa ore 05,30.


Giovedi 20 · S. Liberale di Roma

Ecco, viene il Signore, re della gloria.

Is 7,10-14; Sal 23; Lc 1,26-38.


LITURGIA

“CELESTE PATRONA DELLA TERRA DI SICILIA, CI AFFIDIAMO A TE”

8 Dicembre: IMMACOLATA CONCEZIONE
05-12-18



L'icona tradizionale della Vergine Maria Immacolata riflette l'invocazione litanica del santuario lauretano che Isaia canta nel vaticinio che contrappone la città santa, protetta da mura e baluardi, alla prosopopea della città terrena, calpestata dai poveri: “turris eburnea”.
A Maria Immacolata, celeste patrona della terra di Sicilia, delle sue Chiese e della sua gente, affaticata nella città terrena, non possiamo chiedere altro che la sua preghiera al Padre sia quel baluardo di difesa in cui ciascuno di noi può confidare. Il cuore di Maria, donna e madre di Dio, è il santuario terreno-celeste in cui troviamo rifugio sicuro, e in cui speriamo che ogni siciliano cerchi la consolazione e la speranza che [leggi tutto]


leggi tutte..

Notizie da chiesacattolica.it


mail Contatta la Parrocchia
parrocchia@santagataali.it

IL MOTTO DEL 2° NUCLEO AEREO DELLA GUARDIA COSTIERA DI CATANIA ACCOSTATO AL MOTTO AGATINO DEGLI ALIESI

“Sub nostra ala securitas” come “Agathae sub alis, Alì nulla timebit”.
06-06-17

Da qualche tempo il Capitano di Fregata, il catanese Roberto D’Arrigo, ha lasciato il Comando del 2° Nucleo Aereo della Guardia Costiera di Catania, per assumere, a Roma, il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto.  Lo ha sostituito il suo parigrado Agostino Baldacchini, pugliese di origine viterbese. In occasione della cerimonia di passaggio delle consegne, il giornalista Antonino Blandini, devoto di S. Agata e frequentatore della nostra parrocchia, ha fatto qualche domanda al dott. D’Arrigo, le cui risposte sono state inserite in un bell’articolo pubblicato sul giornale online “Cronaca Oggi Quotidiano”, che racconta i fatti della città etnea.

L’intervista mette in luce prevalentemente l’attività professionale del Capitano D’Arrigo e l’incarico svolto in quella che lui stesso chiama  «la mia terra catanese», ma a conclusione dell’incontro il giornalista pone l’accento su un passaggio del discorso di saluto di D’Arrigo: il pensiero speciale a S. Agata.

Il Capitano di Fregata così risponde: «un pensiero – assolutamente devoto – l’ho rivolto alla nostra Santa Patrona, Sant’Agata, unitamente ad una preghiera: quella di continuare a proteggere l’”equipaggio del 2° Nucleo Aereo, reparto costantemente impegnato nelle operazioni di ricerca e soccorso a tutela e salvaguardia della vita umana in mare e che nasce proprio a Catania nel 1989 e, quindi, catanese a tutti gli effetti. Ho salutato il mio “equipaggio”, al termine della cerimonia, semplicemente urlando il motto del reparto, quel “Sub nostra ala securitas” che ci accomuna e di cui, comunque, continuerò a condividerne i valori ideali».

A questo punto Blandini, a conclusione dell’intervista, fa una riflessione, accostando il motto del Nucleo Aereo ad un altro motto che ben conosciamo: «L’intervista all’illustre Comandante D’Arrigo - rimasto sempre legato alla sua famiglia, a Catania, al nostro mare e fin da ragazzo, scout dell’Agesci e oratoriano dai Salesiani di Cibali, orientato nella scelta della professione a seguire le orme paterne - col riferimento appassionato a Sant’Agata ha richiamato alla mia mente un motto agatino che ben si addice agli aviatori della Guardia Costiera di Catania, da sempre molto significativo per gli abitanti dell’antica cittadina di Alì, in provincia di Messina, della quale Sant’Agata è veneratissima Patrona principale fin dal 1126, e che così recita: “Agathae sub alis, Alì nulla timebit”, ossia “Sotto le ali, la protezione di Agata, Alì nulla avrà da temere!”.

Ringraziamo il giornalista Antonino Blandini per averci citato, ancora una volta, nei suoi scritti. Come si ricorderà, nei mesi scorsi aveva riportato la notizia della festa che gli aliesi in Argentina organizzano in onore di S. Agata.



Nella foto in alto: a sinistra, la vetrofania con lo stemma del Nucleo Aereo, dove si distinguono l’Etna e i primi velivoli in dotazione e il motto “Sub nostra ala securitas”; a destra, la frase scolpita sulla facciata del Duomo di Alì, “Agathae sub alis, Alì nulla timebit”.




twitter logo

"Ecco il primo passo per crescere nel cammino della fede: ascoltare. Prima di parlare, ascoltare."

Tweetato il 14 Dicembre da Papa Francesco


s.agata logo
candela

Antonia
per
i propri defunti
22-10-15

candela

Antonio
per
In onore di S. Agata
10-03-15

candela

Agata
per
i propri cari
26-01-15

candela

Maria
per
in onore di S.Agata
16-01-15

candela

Paolo
per
Nonna Sara
28-12-14


fai una donazione e
Accendi una candela


Tutte le Opere Parrocchiali vivono della Generosità delle Vostre Offerte
Versamento su C/C Postale 10633980
intestato a:
Parrocchia S. Agata - ALI'



Tutte le richieste di sottoscrizione/cancellazione richiedono una conferma via mail.