Benvenuti!

CALENDARIO PARROCCHIALE

Giugno

Venerdi 22 · S. Paolino da Nola; Ss. Giovanni F. e Tommaso M.

Il Signore ha scelto Sion, l'ha voluta per sua residenza.

2Re 11,1-4.9-18.20; Sal 131; Mt 6,19-23.


Sabato 23 · S. Giuseppe Cafasso; S. Lanfranco

La bonta' del Signore durera' in eterno.

2Cr 24,17-25; Sal 88; Mt 6,24-34.


Domenica 24 · NATIVITA' DI SAN GIOVANNI BATTISTA

Io ti rendo grazie: hai fatto di me una meraviglia stupenda.

Is 49,1-6; Sal 138; At 13,22-26; Lc 1,57-66.80.

S. Messa ore 19,00.


Lunedi 25


Martedi 26


Mercoledi 27


Giovedi 28


LITURGIA

IL "SANTO DEL PANE"

La tradizione di benedire il pane in onore di S. Antonio e di distribuirlo in cambio di offerte a sostegno delle opere caritative affonda la propria origine nel miracolo della risurrezione, per intercessione del Santo di Tommasino.
13-06-18

Riproponiamo il racconto del miracolo della risurrezione del piccolo Tommasino come riportato da P. Vergilio Gamboso, ofm conv nel suo volume Libro dei miracoli di Sant’Antonio di Padova.               

Un bimbo di venti mesi, di nome Tomasino, i cui genitori avevano l’abitazione vicino alla chiesa del beato Antonio, in Padova, fu lasciato incautamente da sua madre accanto a un recipiente pieno d’acqua. Allorché quella donna fece ritorno a casa, vedendo emergere i piedi del bambino da quel mastello, vi si precipitò, e vide che la testa del figlio stava all’ingiù, nel fondo del recipiente, mentre i piedi si levavano sopra. Urlando trasse fuori il piccino, ormai rigido e [leggi tutto]


leggi tutte..

Notizie da chiesacattolica.it


mail Contatta la Parrocchia
parrocchia@santagataali.it

«BUONE FERIE A TUTTI, MA ANCHE IN ESTATE RICORDIAMOCI DI CRISTO»

Padre Vincenzo, sul secondo numero del giornalino parrocchiale: «Dio non va in ferie, è sempre in attesa che Lo andiamo a scomodare!»
10-07-17

«Chi è entrato infatti nel suo riposo, riposa anch'egli dalle sue opere, come Dio dalle proprie». (Ebrei 4,10)

Ecco  finalmente il tempo delle vacanze: tempo di riposo, di svago, di viaggi.

Ma questa nozione di “vacanza” è comparsa solo con l’avvento dell’era industriale; nelle società agricole, come lo fu la nostra, c’erano periodi di riposo, come l’inverno, che si alternavano con altri di attività intensa, ma  mai si parlava di vacanze. Soltanto  dalla fine del XIX secolo le classi più facoltose hanno cominciato ad allontanarsi dalle città durante i mesi estivi per dimorare nelle villette di campagna, in modo particolare e molto più  tardi sono nate le vacanze popolari, rese possibili dalle ferie retribuite.

Purtroppo spesso in questo periodo spesso si mette da parte il nostro Signore: ma Gesù non va in ferie! Siamo noi a metterlo in “ferie forzate”!

Leggiamo nel Vangelo di Luca  (18,1 – 8):
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli una parabola sulla necessità di pregare sempre, senza stancarsi: “C’era in una città un giudice, che non temeva Dio e non aveva riguardo per nessuno. In quella città c’era anche una vedova, che andava da lui e diceva: Fammi giustizia contro il mio avversario. Per un certo tempo egli non volle; ma poi disse tra sé. Anche se non temo Dio e non ho rispetto di nessuno, poiché questa vedova è così molesta le farò giustizia, perché non venga continuamente a importunarmi”.
E il Signore soggiunse: “Avete udito ciò che dice il giudice disonesto. E Dio non farà giustizia ai suoi eletti che gridano giorno e notte verso di lui? Li farà a lungo aspettare? Vi dico che farà loro giustizia prontamente.
Ma il Figlio dell’uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?”

Questo brano di vangelo riporta un elemento molto caro a Luca: la preghiera. E’ la seconda volta che Luca riporta le parole di Gesù per insegnarci a pregare. La prima volta (Lc 11,1-13), ci insegnò il Padre Nostro e, per mezzo di paragoni e parabole, insegnò che dobbiamo pregare con insistenza, senza stancarci. Attraverso questa parabola, Gesù ci invita a non cessare mai di pregare.

Allora continuiamo a dedicare un momento alla preghiera personale, comunitaria e liturgica, e soprattutto, testimoniamo prima con la nostra vita e poi con le nostre parole che siamo “creature nuove”! In estate spesso, ascoltiamo queste parole: “Finalmente un po’ di pace! Finalmente un po’ di riposo! È finito lo stress!”. È vero che abbiamo bisogno di riposo, ma è bene rammentare a noi stessi e agli altri che la  vera pace, il vero riposo lo troviamo solo in Cristo nostro Signore. Ricordiamolo sempre: Egli non va in ferie, è sempre in attesa che Lo andiamo a scomodare!

P. Vincenzo




twitter logo

"Camminare insieme, pregare insieme, lavorare insieme: ecco la nostra strada maestra verso l’unità dei cristiani. #WCC70"

Tweetato il 21 Giugno da Papa Francesco


s.agata logo
candela

Antonia
per
i propri defunti
22-10-15

candela

Antonio
per
In onore di S. Agata
10-03-15

candela

Agata
per
i propri cari
26-01-15

candela

Maria
per
in onore di S.Agata
16-01-15

candela

Paolo
per
Nonna Sara
28-12-14


fai una donazione e
Accendi una candela


Tutte le Opere Parrocchiali vivono della Generosità delle Vostre Offerte
Versamento su C/C Postale 10633980
intestato a:
Parrocchia S. Agata - ALI'



Tutte le richieste di sottoscrizione/cancellazione richiedono una conferma via mail.