Benvenuti!

CALENDARIO PARROCCHIALE

Agosto

Martedi 14 · S. Massimiliano M. Kolbe

Quanto sono dolci al mio palato le tue promesse, Signore.

Ez 2,8 - 3,4; Sal 118; Mt 18,1-5.10.12-14.

Ultimo martedi in onore di S. Agata.
S. Messa ore 19,00.


Mercoledi 15 · ASSUNZIONE B.V. MARIA

Risplende la Regina, Signore, alla tua destra.

Ap 11,19a; 12,1-6a.10ab; Sal 44; 1Cor 15,20-27a; Lc 1,39-56.

S. Messa ore 19,00.


Giovedi 16 · S. Rocco, patrono di Ali' Terme

Proclameremo le tue opere, Signore.

Ez 12,1-12; Sal 77; Mt 18,21 - 19,1.


Venerdi 17 · Anniversario Dedicazione Chiesa Madre e Festa del Patrocinio di S. Agata

Letture proprie.

S.S. Messe:
ore 11,00
ore 19,00, a seguire processione breve.


Sabato 18 · S. Elena

Crea in me, o Dio, un cuore puro.

E2 18,1-10.13b.30-32; Sal 50; Mt 19,13-15.


Domenica 19 · XX di Tempo Ordinario - S. Giovanni Eudes

Gustate e vedete com'e' buono il Signore.

Pr 9,1-6; Sal 33; Ef 5,15-20; Gv 6,51-58.

S. Messa ore 19,00.


Lunedi 20


LITURGIA

San Rocco, uno dei santi taumaturghi più popolari in Occidente.

Tutti lo invocavano tra il Medioevo e l’Ottocento in occasione del rinnovarsi delle epidemie di peste.
12-08-18



San Rocco è per questo anche uno dei santi occidentali più raffigurati.

Lo rappresentarono ogni genere di artisti: tanto quelli semplici dell’arte popolare, quanto alcuni tra i più gettonati come Tintoretto, Michelangelo, Ludovico Carracci, Guido Reni, Botticelli.

E tutti lo hanno dipinto o scolpito nello stesso modo, in un modo che serve a ricordare la sua storia, la storia di un pellegrino, con bastone, mantello, bisaccia, sandali, che va, nonostante una piaga sulla gamba, che cammina in compagnia di un cane, suo unico amico.

Rocco non era italiano, ma francese. Nacque a Montpellier in una famiglia agiata della grande borghesia mercantile tra il 1345 ed il 1350.

Secondo la tradizione, una volta [leggi tutto]


leggi tutte..

Notizie da chiesacattolica.it


mail Contatta la Parrocchia
parrocchia@santagataali.it

«BUONE FERIE A TUTTI, MA ANCHE IN ESTATE RICORDIAMOCI DI CRISTO»

Padre Vincenzo, sul secondo numero del giornalino parrocchiale: «Dio non va in ferie, è sempre in attesa che Lo andiamo a scomodare!»
10-07-17

«Chi è entrato infatti nel suo riposo, riposa anch'egli dalle sue opere, come Dio dalle proprie». (Ebrei 4,10)

Ecco  finalmente il tempo delle vacanze: tempo di riposo, di svago, di viaggi.

Ma questa nozione di “vacanza” è comparsa solo con l’avvento dell’era industriale; nelle società agricole, come lo fu la nostra, c’erano periodi di riposo, come l’inverno, che si alternavano con altri di attività intensa, ma  mai si parlava di vacanze. Soltanto  dalla fine del XIX secolo le classi più facoltose hanno cominciato ad allontanarsi dalle città durante i mesi estivi per dimorare nelle villette di campagna, in modo particolare e molto più  tardi sono nate le vacanze popolari, rese possibili dalle ferie retribuite.

Purtroppo spesso in questo periodo spesso si mette da parte il nostro Signore: ma Gesù non va in ferie! Siamo noi a metterlo in “ferie forzate”!

Leggiamo nel Vangelo di Luca  (18,1 – 8):
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli una parabola sulla necessità di pregare sempre, senza stancarsi: “C’era in una città un giudice, che non temeva Dio e non aveva riguardo per nessuno. In quella città c’era anche una vedova, che andava da lui e diceva: Fammi giustizia contro il mio avversario. Per un certo tempo egli non volle; ma poi disse tra sé. Anche se non temo Dio e non ho rispetto di nessuno, poiché questa vedova è così molesta le farò giustizia, perché non venga continuamente a importunarmi”.
E il Signore soggiunse: “Avete udito ciò che dice il giudice disonesto. E Dio non farà giustizia ai suoi eletti che gridano giorno e notte verso di lui? Li farà a lungo aspettare? Vi dico che farà loro giustizia prontamente.
Ma il Figlio dell’uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?”

Questo brano di vangelo riporta un elemento molto caro a Luca: la preghiera. E’ la seconda volta che Luca riporta le parole di Gesù per insegnarci a pregare. La prima volta (Lc 11,1-13), ci insegnò il Padre Nostro e, per mezzo di paragoni e parabole, insegnò che dobbiamo pregare con insistenza, senza stancarci. Attraverso questa parabola, Gesù ci invita a non cessare mai di pregare.

Allora continuiamo a dedicare un momento alla preghiera personale, comunitaria e liturgica, e soprattutto, testimoniamo prima con la nostra vita e poi con le nostre parole che siamo “creature nuove”! In estate spesso, ascoltiamo queste parole: “Finalmente un po’ di pace! Finalmente un po’ di riposo! È finito lo stress!”. È vero che abbiamo bisogno di riposo, ma è bene rammentare a noi stessi e agli altri che la  vera pace, il vero riposo lo troviamo solo in Cristo nostro Signore. Ricordiamolo sempre: Egli non va in ferie, è sempre in attesa che Lo andiamo a scomodare!

P. Vincenzo




twitter logo

"Anche oggi ci sono tanti martiri, tanti perseguitati per amore di Cristo: sono loro la vera forza della Chiesa!"

Tweetato il 14 Agosto da Papa Francesco


s.agata logo
candela

Antonia
per
i propri defunti
22-10-15

candela

Antonio
per
In onore di S. Agata
10-03-15

candela

Agata
per
i propri cari
26-01-15

candela

Maria
per
in onore di S.Agata
16-01-15

candela

Paolo
per
Nonna Sara
28-12-14


fai una donazione e
Accendi una candela


Tutte le Opere Parrocchiali vivono della Generosità delle Vostre Offerte
Versamento su C/C Postale 10633980
intestato a:
Parrocchia S. Agata - ALI'



Tutte le richieste di sottoscrizione/cancellazione richiedono una conferma via mail.