Benvenuti!

CALENDARIO PARROCCHIALE

Giugno

Venerdi 22 · S. Paolino da Nola; Ss. Giovanni F. e Tommaso M.

Il Signore ha scelto Sion, l'ha voluta per sua residenza.

2Re 11,1-4.9-18.20; Sal 131; Mt 6,19-23.


Sabato 23 · S. Giuseppe Cafasso; S. Lanfranco

La bonta' del Signore durera' in eterno.

2Cr 24,17-25; Sal 88; Mt 6,24-34.


Domenica 24 · NATIVITA' DI SAN GIOVANNI BATTISTA

Io ti rendo grazie: hai fatto di me una meraviglia stupenda.

Is 49,1-6; Sal 138; At 13,22-26; Lc 1,57-66.80.

S. Messa ore 19,00.


Lunedi 25


Martedi 26


Mercoledi 27


Giovedi 28


LITURGIA

IL "SANTO DEL PANE"

La tradizione di benedire il pane in onore di S. Antonio e di distribuirlo in cambio di offerte a sostegno delle opere caritative affonda la propria origine nel miracolo della risurrezione, per intercessione del Santo di Tommasino.
13-06-18

Riproponiamo il racconto del miracolo della risurrezione del piccolo Tommasino come riportato da P. Vergilio Gamboso, ofm conv nel suo volume Libro dei miracoli di Sant’Antonio di Padova.               

Un bimbo di venti mesi, di nome Tomasino, i cui genitori avevano l’abitazione vicino alla chiesa del beato Antonio, in Padova, fu lasciato incautamente da sua madre accanto a un recipiente pieno d’acqua. Allorché quella donna fece ritorno a casa, vedendo emergere i piedi del bambino da quel mastello, vi si precipitò, e vide che la testa del figlio stava all’ingiù, nel fondo del recipiente, mentre i piedi si levavano sopra. Urlando trasse fuori il piccino, ormai rigido e [leggi tutto]


leggi tutte..

Notizie da chiesacattolica.it


mail Contatta la Parrocchia
parrocchia@santagataali.it

A DISTANZA DI UN ANNO E’ ANCORA VIVO IL RICORDO DELLA FESTA GRANDE DI ALI’

Il 17 luglio 2016 sono stati avviati ufficialmente i preparativi. Ludovica Smeralda e Rachele Reale vere protagoniste della festa.
17-07-17

L’anno scorso come oggi iniziavano ufficialmente i preparativi della “Festa Ranni 2016”. Era domenica 17 luglio e i fedeli assieme ai Ciliari si sono riuniti di buon mattino in Chiesa Madre per la Messa inaugurale. Subito dopo, in Piazza Duomo, ha avuto luogo un piccolo intrattenimento al suono di fisarmonica e tamburello, durante il quale per la prima volta si sono “esibite” le due fanciulle prescelte per interpretare S. Agata e S. Caterina.

Poi i Ciliari si sono divisi per ottemperare, ognuno, al proprio ruolo nella festa. I Ciliari delle Ragazze si sono diretti a piedi verso Fiumedinisi per iniziare la raccolta dell’oro e delle offerte, quelli del pane, invece, verso i locali messi a disposizione dal Comune per preparare le formelle di pane azzimo. Tanti volenterosi si sono uniti a loro per sostenerne le varie attività.

E’ stato quello il primo passo che, in un crescendo di impegno, disponibilità, partecipazione, ha portato fino ai tre giorni di festa. Certo non sono state tutte rose e fiori, quando si è in un gruppo è ovvio che ci siano opinioni diverse, scambi di idee con esternazioni a volte colorite, ma l’importante è che il tutto sia rientrato e non si sia perso di vista l’obiettivo principale: lavorare per compiacere la Santa Patrona!

Senza nulla togliere a tutti coloro che in vario modo si sono impegnati per l’organizzazione della festa, primi tra tutti i Ciliari, c’è da dire che già da quella domenica è sembrato chiaro ed evidente che le “mattatrici” sarebbero state le due bambine. Ludovica e Rachele sin dal loro “esordio” si sono volute appropriare di un ruolo da protagoniste. Del resto avevano lavorato duro. Avevano imparato a tessere, si erano alzate presto la mattina, erano sempre le ultime a lasciare la piazza, non lesinavano sorrisi, disponibili a farsi fotografare. Sembrava avessero assunto consapevolezza dell’importanza del ruolo che spettava loro e della necessità che tutto andasse alla perfezione per la riuscita della festa. O, forse più semplicemente, si stavano veramente divertendo.

Una scena rimarrà nella memoria di tutti. Quando per la prima volta vennero sollevate sul cilio che le doveva trasportare e tutti si preoccupavano per la loro sicurezza, mentre la struttura varcava la porta della chiesa e si percorrevano i gradini del sagrato per arrivare in piazza, loro due piuttosto che apparire preoccupare o impaurite, sono apparse alla folla che attendeva, sorridenti e gioiose.

Possiamo dire che a distanza di un anno, le immagini di quella Festa Grande sono sempre presenti nel cuore di tutti!




twitter logo

"Camminare insieme, pregare insieme, lavorare insieme: ecco la nostra strada maestra verso l’unità dei cristiani. #WCC70"

Tweetato il 21 Giugno da Papa Francesco


s.agata logo
candela

Antonia
per
i propri defunti
22-10-15

candela

Antonio
per
In onore di S. Agata
10-03-15

candela

Agata
per
i propri cari
26-01-15

candela

Maria
per
in onore di S.Agata
16-01-15

candela

Paolo
per
Nonna Sara
28-12-14


fai una donazione e
Accendi una candela


Tutte le Opere Parrocchiali vivono della Generosità delle Vostre Offerte
Versamento su C/C Postale 10633980
intestato a:
Parrocchia S. Agata - ALI'



Tutte le richieste di sottoscrizione/cancellazione richiedono una conferma via mail.