Benvenuti!

CALENDARIO PARROCCHIALE

Luglio

Mercoledi 18 · S. Federico; S. Materno; S. Arnolfo

Il Signore non respinge il suo popolo.

Is 10,5-7.13-16; Sal 93; Mt 11,25-27.


Giovedi 19 · S. Epafra; S. Macrina; S. Simmaco

Il Signore dal cielo ha guardato la terra.

Is 26,7-9.12.16-19; Sal 101; Mt 11,28-30.

S. Messa ore 18,30.


Venerdi 20 · S. Aurelio; S. Apollinare; S. Elia

Tu, Signore, hai preservata la mia vita dalla fossa della distrazione.

Is 38,1-6.21-22.7-8; Cant. Is 38,10-12.16; Mt 12,1-8.


Sabato 21 · II di S. Maria - S. Lorenzo da Brindisi; S. Prassede; S. Alberico

Non dimenticare i poveri, Signore!

Mi 2,1-5; Sal 9; Mt 12,14-21.

S. Messa ore 07,00 Chiesa di S. Maria.


Domenica 22 · 16.a di Tempo Ordinario - s. Maria Maddalena

Il Signore e' il mio pastore: non manco di nulla.

Ger 23,1-6; Sal 22; Ef 2,13-18; Mc 6,30-34.

S. Messa ore 19,00.


Lunedi 23 · S. Brigida patr. Europa; S. Giovanni Cassiano

Benediro' il Signore in ogni tempo.

Gal 2,19-20; Sal 33; Gv 15,1-8.


Martedi 24 · VI di S. Agata - S. Charbel Makhluf; s. Cristina di Bolsena; S. Eufrasia

Mostraci, Signore, la tua misericordia.

Mi 7,14-15.18-20; Sal 84; Mt 12,46-50.

S. Messa ore 19,00.


LITURGIA

I SANTI PIETRO E PAOLO

Solennità antichissima
28-06-18


La solennità dei Santi Pietro e Paolo è antichissima: è stata inserita nel Santorale romano molto prima di quella di Natale. Nei secolo IV si celebravano già tre messe: una in san Pietro in Vaticano, l’altra in san Paolo fuori le mura, la terza alle catacombe di san Sebastiano dove furono probabilmente nascosti per un certo tempo, all’epoca delle invasioni, i corpi dei due apostoli.

San Pietro

Simone era un pescatore di Betsaida (Lc 5,3; Gv 1,44), che si era più tardi stabilito a Cafarnao (Mc 1,2 1.29). Il fratello Andrea lo introduce al seguito di Gesù (Gv 1,42); ma probabilmente Simone era stato [leggi tutto]


leggi tutte..

Notizie da chiesacattolica.it


mail Contatta la Parrocchia
parrocchia@santagataali.it

IL CIMITERO RIPULITO DAI VOLONTARI. IL COMUNE DI ALI’ RIENTRA IN POSSESSO DELLA CHIAVE

La giornata ecologica presso le tombe dei nostri cari è stata promossa dai Comuni di Alì e di Alì Terme. In tanti hanno risposto all’appello di rendere dignitoso il camposanto. Si risolve la disputa tra i due Comuni sulla proprietà dell’area.
06-07-18

Una giornata ecologica per dare decoro al luogo in cui si trovano i nostri defunti. Questo il senso dell’attività di volontariato organizzata congiuntamente dai Comuni di Alì e di Alì Terme per ripulire il cimitero. Le rispettive amministrazioni, entrambe neo elette lo scorso 10 giugno, si sono fatte promotrici di questa significativa manifestazione per dare un segnale forte sulla necessità di prendersi cura del territorio e, in questo caso, del luogo in cui riposano i nostri cari. Nell’azione sono state coinvolte associazioni ma anche i singoli cittadini, che hanno risposto numerosi all’appello. Tutti con rastrelli, scope, bidoni e tagliaerba si sono dati un gran da fare per la scerbatura, la manutenzione delle aiuole, la pulizia, l’asportazione dei fiori secchi dalle tombe, la stasatura dei tombini. Oltre ai normali attrezzi di lavoro, i volontari hanno messo a disposizione anche i propri mezzi per il trasporto dei rifiuti.

«Un Grazie affettuoso a tutti i cittadini di Ali e Ali Terme – ha detto il Sindaco Natale Rao - che hanno dato il loro aiuto per contribuire a ripristinare il decoro del nostro cimitero». «Ovviamente – continua il primo cittadino di Alì - adesso chiedo a tutti di avere maggiore cura e di mantenere quel luogo pulito e dignitoso, soprattutto per rispetto verso i nostri cari defunti».

L’iniziativa congiunta dei due paesi è stata molto apprezzata e in tanti si sono augurati che questo connubio possa continuare in futuro, anche per altre iniziative.

Il significato di questa lodevole operazione va al di là del fatto in sé e avvalora la reimmissione del Comune di Alì nell’esercizio del diritto di riutilizzare la struttura a pieno titolo. Nei mesi scorsi, infatti, tra i due Comuni, abbiamo assistito ad una disputa che non aveva avuto altri precedenti. Il Comune di Alì Terme aveva disconosciuto ogni diritto all’”antica patria”, togliendogli persino la chiave del cancello d’ingresso. Per la sepoltura dei defunti di Alì, dunque, si doveva presentare la pratica presso il Municipio della Marina e il giorno del funerale, attendere che un incaricato di quel Comune provvedesse ad aprire le porte del camposanto.

Con i nuovi amministratori, le tensioni si sono subito smorzate e il Comune di Alì è rientrato immediatamente in possesso delle sue chiavi. Subito dopo le elezioni, il sindaco Natale Rao, con alcuni dei suoi, ha incontrato il collega di Alì Terme, assieme ad una rappresentanza dei neo amministratori. In un clima di serenità e di cordialità il sindaco Carlo Giaquinta ha detto: «I nostri morti stanno bene assieme, le chiavi sono a vostra disposizione». Pur rimanendo la necessità di dover provvedere alla risoluzione di eventuali problemi di natura burocratica, possiamo dire che si è conclusa in questo modo una brutta pagina di storia tra le due comunità.

Per quanto riguarda la pulizia del territorio, altre iniziative analoghe sono in programma nei prossimi giorni.




twitter logo

"Gesù ci invita a costruire insieme la civiltà dell’amore nelle situazioni che ci capita di vivere ogni giorno."

Tweetato il 18 Luglio da Papa Francesco


s.agata logo
candela

Antonia
per
i propri defunti
22-10-15

candela

Antonio
per
In onore di S. Agata
10-03-15

candela

Agata
per
i propri cari
26-01-15

candela

Maria
per
in onore di S.Agata
16-01-15

candela

Paolo
per
Nonna Sara
28-12-14


fai una donazione e
Accendi una candela


Tutte le Opere Parrocchiali vivono della Generosità delle Vostre Offerte
Versamento su C/C Postale 10633980
intestato a:
Parrocchia S. Agata - ALI'



Tutte le richieste di sottoscrizione/cancellazione richiedono una conferma via mail.