Benvenuti!

CALENDARIO PARROCCHIALE

Maggio

Venerdi 24 · B.V. Maria Ausiliatrice; S. Vincenzo di Lerins; S. Servulo

Ti lodero' fra i popoli, Signore.

At 15,22-31; Sal 56; Gv 15,12-17.


Sabato 25 · S. Beda ; S. Gregorio VII ; S. Maria M. de Pazzi

Acclamate il Signore, voi tutti della terra.

At 16,1-10; Sal 99; Gv 15,18-21.


Domenica 26


Lunedi 27


Martedi 28


Mercoledi 29


Giovedi 30


LITURGIA

S. RITA DA CASCIA

La Santa delle cose impossibili
22-05-19


Santa Rita da Cascia
, una delle figure più invocate e venerate dai praticanti cattolici, nacque da Antonio Lotti ed Amata Ferri, due “pacieri di Cristo” (antenati dei moderni “mediatori civili” e/o ”conciliatori”, ndr) impegnati con le lotte tra guelfi e ghibellini, nel 1381 a Roccaporena, frazione di Cascia (PG). Le venne dato il nome di Margherita, ma ben presto tutti la chiamarono Rita.

Il primo miracolo le viene attribuito a soli 5 giorni dalla sua nascita, il miracolo delle Api Bianche: i genitori, impegnati nella mietitura, lasciarono Rita in una culla sotto ad un albero. Le si avvicinano 5 api [leggi tutto]


leggi tutte..

Notizie da chiesacattolica.it


mail Contatta la Parrocchia
parrocchia@santagataali.it

“ALI’, LA MAGIA DEL NATALE” CON L’OPERA DEI PUPI

Uno spettacolo di grande valore artistico che ha appassionato tutti i presenti. Domani arriva la Befana.
05-01-19

Ieri, 4 gennaio 2019, nell’ambito delle manifestazioni natalizie organizzate dal Comune di Alì, “Alì – La magia del Natale”, nel magnifico scenario del Duomo di S. Agata, si è svolto lo spettacolo “La natività di Gesù Bambino”, appartenente al repertorio dell’Opera dei Pupi di tradizione catanese di Alessandro e Fiorenzo Napoli. Una rappresentazione incantevole e coinvolgente che ha emozionato adulti e piccini. Una storia antica, ma ancora attuale, che trasporta il pubblico nella realtà della Natività. Non sono mancate le risate con la presenza di Peppininu, maschera tradizionale del teatro dei pupi catanese, che ha regalato momenti di grande comicità, pur nella drammaticità degli eventi.
La rappresentazione utilizza le tecniche e i linguaggi dei pupi siciliani di tradizione catanese. Lo spettacolo rappresenta il viaggio di Maria e Giuseppe verso Nazareth, attraverso un paesaggio di contadini siciliani. Il cammino non è facile, per il continuo intervento del Maligno che viene bastonato dall’Angelo con una spada fiammeggiante e che si trasforma, infine, in un serpente per fermare Maria ormai vicina alla grotta, ma l’Angelo la salva e la scena diventa il quadro dell’Immacolata Concezione. Il Demonio è vinto per sempre ed i pastori sono invitati dalla Stella d’Oriente a visitare Gesù che nasce fra il bue e l’asinello, i re magi e Peppininu che accoglie il bambinello con la voce ingenua dell’eterna speranza dei poveri in un mondo migliore. Alla fine dello spettacolo i fratelli Napoli, con gentilezza e cordialità, hanno dato la possibilità agli intervenuti di vedere da vicino e poter ammirare questi incantevoli pupi, costruiti e animati da mani abili ed esperte.

Lo spettacolo è stato introdotto dal Parroco, don Vincenzo D’Arrigo, che ha evidenziato l’importante ruolo divulgativo di questa tradizione.

Alla fine della rappresentazione, il sindaco, Natale Rao, si è detto orgoglioso di aver ospitato tale evento di importante valore artistico e culturale. L’Opera dei Pupi è un particolare tipo di teatro delle marionette che si affermò stabilmente nell’Italia meridionale e soprattutto in Sicilia tra la seconda metà dell’Ottocento e la prima metà del Novecento. Esistono in Sicilia due differenti tradizioni dell’Opera dei Pupi: quella palermitana, affermatasi nel capoluogo e diffusasi nella parte occidentale dell’isola, e quella catanese, diffusasi, oltreché nella città etnea, in tutta la parte orientale dell’isola ed anche in Calabria. Oggi la vita della tradizione spettacolare ed artigiana dell’Opera dei Pupi catanese è affidata alla Marionettistica dei fratelli Napoli di Catania.

Nel 2008, il teatro dell’Opera dei Pupi è stato inserito dall’Unesco nella lista dei Patrimoni Orali e Immateriali dell’Umanità.

Le manifestazioni natalizie si concluderanno domani, 6 gennaio. Subito dopo il recital dei fanciulli dell’oratorio, in piazza arriverà la befana con tanti regali per tutti i bambini.




twitter logo

"Maria è una donna che cammina con delicatezza e tenerezza di madre, scioglie tutti i nodi dei tanti guai che riusci… https://t.co/Plwcu0Chvm"

Tweetato il 24 Maggio da Papa Francesco


s.agata logo
candela

Antonia
per
i propri defunti
22-10-15

candela

Antonio
per
In onore di S. Agata
10-03-15

candela

Agata
per
i propri cari
26-01-15

candela

Maria
per
in onore di S.Agata
16-01-15

candela

Paolo
per
Nonna Sara
28-12-14


fai una donazione e
Accendi una candela


Tutte le Opere Parrocchiali vivono della Generosità delle Vostre Offerte
Versamento su C/C Postale 10633980
intestato a:
Parrocchia S. Agata - ALI'



Tutte le richieste di sottoscrizione/cancellazione richiedono una conferma via mail.