Sabato 17 Agosto: Festa del Patrocinio di S. Agata.

CALENDARIO PARROCCHIALE

Agosto

Domenica 18 · S. Elena; S. Agapito

Signore, vieni presto in mio aiuto.

Ger 38,4-6.8-10; Sal 39; Eb 12,1-4; Lc 12,49-53.

Ore 19,00 - S. Messa.


Lunedi 19 · S. Giovanni Eudes ; S. Sisto III

Ricordati di noi, Signore, per amore del tuo popolo.

Gdc 2,11-19; Sal 105; Mt 19,16-22.

Ore 19,00 - S. Messa.


Martedi 20 · S. Bernardo ; S. Samuele pr.; S. Filiberto

Il Signore annuncia la pace per il suo popolo.

Gdc 6,11-24a; Sal 84; Mt 19,23-30.


Mercoledi 21 · S. Pio X ; S. Ciriaca

Signore, il re gioisce della tua potenza!

Gdc 9,6-15; Sal 20; Mt 20,1-16.


Giovedi 22 · B.V. Maria Regina

Ecco, Signore, io vengo per fare la tua volonta'.

Gdc 11,29-30a; Sal 39; Mt 22,1-14.

Ore 18,30 - S. Messa.


Venerdi 23 · S. Rosa da Lima ; S. Zaccheo; S. Flaviano

Loda il Signore, anima mia.

Rt 1,1.3-6.14b-16.22; Sal 145; Mt 22,34-40.


Sabato 24 · S. Bartolomeo ap. Patrono dell’Arcidiocesi

I tuoi santi, Signore, dicano la gloria del tuo regno.

Ap 21,9b-14; Sal 144; Gv 1,45-51.

Ore 7,00 S. Messa - Chiesa Madonna del Bosco.


LITURGIA

S. Agata, “Donata a noi da Dio, sorgente stessa della bontà”

Dal «Discorso su sant’Agata» di San Metodio Siculo, Patriarca di Costantinopoli
17-08-19


La commemorazione annuale di sant’Agata ci ha qui radunati perché rendessimo onore a una martire, che è sì antica, ma anche di oggi. Sembra infatti che anche oggi vinca il suo combattimento perché tutti i giorni viene come coronata e decorata di manifestazioni della grazia divina.

Sant’Agata è nata dal Verbo del Dio immortale e dall’unico suo Figlio, morto come uomo per noi. Dice infatti san Giovanni: «A quanti lo hanno accolto ha dato il potere di diventare figli di Dio» (Gv 1, 12).

Agata, la nostra santa, che ci ha invitati al religioso banchetto, è la sposa di Cristo. E’ la vergine che ha imporporato le [leggi tutto]


leggi tutte..

Notizie da chiesacattolica.it


mail Contatta la Parrocchia
parrocchia@santagataali.it

UNA SOCIETA’ PRIVA DI VALORI: PARLARE O TACERE?

I nuovi miti della nostra civiltà occidentale sono diventati il potere, il prestigio e il piacere.
06-08-19

La nostra è un’epoca caratterizzata da grande incertezza e tensione in tutte gli ambiti della vita sociale. Nel passato la famiglia, la religione e la società offrivano sicurezza, erano un porto sicuro dove rifugiarsi in caso di tempesta. Oggi anche loro vanno perdendo il loro influsso e spesso l’essere umano si trova sempre più solo di fronte ai suoi molteplici problemi. La rapidità con cui si è trasformata la società, la crisi dei valori etici e del rispetto dell’uomo lo vanno sempre più privando soprattutto il mondo giovanile, di quei punti di riferimento che lo aiutavano un tempo a superare tensioni e frustrazioni. Ricordo da bambino che il parroco era il punto di riferimento delle famiglie, quando c’era un problema in casa il sacerdote era sempre presente, bastava bussare alla sua porta.

Oggi non è più così. Psicologi e psichiatri lo hanno rimpiazzato.

L’uomo moderno ha perso quei valori fondamentali e cristiani, trasformandosi in un nevrotico: perché ogni volta che viene meno un punto di riferimento, la sofferenza si trasforma in tonnellate di psicofarmaci, in migliaia di drogati e suicidi. Questa è società dove viviamo; una società che non solo ha perso i valori tradizionali, ma non è capace nemmeno di trovarne dei nuovi.

Programmi televisivi come la talpa, il grande fratello, l’isola dei famosi, nudi e crudi propinano volti e personaggi più o meno noti come modelli da seguire per i nostri giovani: impensabile che questo potesse succedere qualche decennio fa.

Vengono propinati i miti della nostra civiltà occidentale: il potere, il prestigio, il piacere, il soddisfacimento dei desideri principali.

Si vorrebbe essere ciò che non si può essere; se la Tv, la società, offre illusioni effimere ai nostri figli, diventeranno queste un’immagine della loro illusione, costruita con la nevrosi e quindi innaturale.

Oggi lo scopo della vita non è l’emotività ma la razionalità; educhiamo i nostri figli fin dall’infanzia a soddisfare solo cose reali e concrete, trascurando di educarli all’immaginazione, alla fantasia, alla creatività e alla emotività. Non li prepariamo a vivere una vita serena, genuina, degna di essere vissuta. Sappiamo che è caduto il mito della scienza onnipotente e continuiamo a formare i ragazzi su calcoli e probabilità. La scienza può fornirci solo soluzioni ai problemi che già precedentemente erano stati analizzati dall’uomo, non la soluzione dei problemi nuovi, perché essa non possiede capacità intuitive o creative, ma solo deduttive. Non dobbiamo pensare di essere antiquati, ma la scienza non risolverà mai il problema ultimo dell’uomo, nemmeno tra duemila anni.

E nel degrado generale, nell’assenza di valori cristiani, ecco che assistiamo anche ad un imbarbarimento dei rapporti tra persone: un ritorno all’uso della violenza senza alcuna motivazione logica e razionale.

Violenza, in ogni declinazione possibile.

Violenza di gruppo perpetrato nei confronti di ragazze minorenni; violenza omicida di genitori verso i figli; violenza di figli nei confronti di genitori; violenza verso inermi tutori dell’ordine; faide paesane assurde e inconcepibili: questi casi, spingono all’ennesima riflessione, forse inutile.

Parlare o tacere?

Una linea sottile divide il silenzio del rispetto dal silenzio dell’assenza, la parola critica dalla parola superflua. La tentazione è di seguire l’onda dell’emozione e dello sdegno provocato da brutalità simili, parlando di mostri. Ma è linguaggio sterile però cercare di etichettare la violenza, di rinchiuderla in un recinto definito, qui si impone uno sguardo che si stacchi dall’evento singolo e lo guardi come espressione di un qualcosa di più grande e significativo, che riguarda la direzione presa dalla società. Società, deriva dal sostantivo latino “socius”, cioè compagno, amico, alleato, parola ormai estranea alla sua radice prima, (chi sono oggi gli “amici”? quelli che si incontrano su facebook, e non gli amici “faccia a faccia”) spinti sempre più da un individualismo forsennato e malsano, anarchico ed egoistico.

Dovremmo sentirci tutti coinvolti e nessuno assolto.                                    

Fa male sentire di atti violenti, soprattutto in un luogo, un paese, dove fino a non molti anni fa regnava la pace e la tranquillità.

Sembra ormai definitivamente bandito il vivere civile, lo stesso rispetto dovuto al luogo più sacro è venuto meno.

Alcune volte ci si scandalizza, per piccole pagliuzze negli occhi mentre si è intenti a seguire il corso della banalità e della volgarità dilagante.

P. Vincenzo




twitter logo

"Con Dio i pesi della vita non restano solo sulle nostre spalle: lo Spirito Santo viene a darci forza, a incoraggiarci, a sostenere i pesi."

Tweetato il 17 Agosto da Papa Francesco


s.agata logo
candela

Antonia
per
i propri defunti
22-10-15

candela

Antonio
per
In onore di S. Agata
10-03-15

candela

Agata
per
i propri cari
26-01-15

candela

Maria
per
in onore di S.Agata
16-01-15

candela

Paolo
per
Nonna Sara
28-12-14


fai una donazione e
Accendi una candela


Tutte le Opere Parrocchiali vivono della Generosità delle Vostre Offerte
Versamento su C/C Postale 10633980
intestato a:
Parrocchia S. Agata - ALI'



Tutte le richieste di sottoscrizione/cancellazione richiedono una conferma via mail.