Tutto andrà bene!

CALENDARIO PARROCCHIALE

Aprile

Venerdi 10


Sabato 11


Domenica 12


Lunedi 13


Martedi 14


Mercoledi 15


Giovedi 16


LITURGIA

Via Crucis: storia e significato

La Via Dolorosa è uno dei riti che introduce alla Pasqua.
07-03-20


Siamo in Quaresima, cammino che porta alla Pasqua, e, nella Chiesa cattolica, diversi sono i riti che testimoniano e introducono alla gioia della Risurrezione. Tra questi vi è la Via Crucis, via della Croce, anche detta via Dolorosa. Nasce dalle vicissitudini che vedono protagonista Gesù il Venerdì Santo, è da quegli avvenimenti che prende forma la Via Crucis arrivando sino ai giorni nostri.
Già nel V-VI secolo, in Gerusalemme, si praticava una processione nei luoghi della Passione di Cristo, anche se non si può ancora parlare di una via Crucis codificata. Dobbiamo ai pellegrini che si recavano a Gerusalemme il fatto che, una volta rientrati nelle rispettive città, cercarono di [leggi tutto]


leggi tutte..

Notizie da chiesacattolica.it


mail Contatta la Parrocchia
parrocchia@santagataali.it

NONNO CARMELO TRIOLO FESTEGGIA I SUOI CENTO ANNI

Il 16 gennaio per il suo compleanno sarà attorniato dai familiari e dagli amici. Saranno presenti anche i Sindaci di Alì Terme, Carlo Giaquinta e di Alì, Natale Rao. Alle ore 17.00 la Messa sarà celebrata da P. Vincenzo D’Arrigo.
13-01-20

E’ nato ad Alì il 16 gennaio 1920 e da circa 60 anni vive ad Alì Terme. E’ Carmelo Triolo il nonnino più longevo di entrambe le comunità aliesi, che giovedì prossimo spegnerà 100 candeline. A festeggiarlo ci saranno i familiari, gli amici e le Amministrazioni Comunali dei comuni di Alì Terme e di Alì, con i rispettivi Sindaci Carlo Giaquinta e Natale Rao, così come lui stesso ha richiesto. Del resto il signor Carmelo anche se a quarant’anni si è trasferito alla Marina, ha sempre mantenuto i contatti con il territorio che lo ha visto nascere e crescere e per il quale nutre un profondo attaccamento.

Una vita di sacrifici dedicata al lavoro e alla famiglia, quella che ci descrive l’arzillo nonnino. Dai suoi racconti, però, traspare solo la fierezza di aver affrontato le avversità con coraggio e dedizione e la nostalgia di un tempo che fu. Un uomo d’altri tempi, insomma, che non si abbatte, che non si crea attenuanti, ma che si rimbocca le maniche e lotta per costruirsi un avvenire.

E se la vita lo ha portato a rimanere solo a 3 anni, orfano di entrambe i genitori, oggi si ritrova attorniato dall’affetto delle figlie Agata, Anna e Pina, con i rispettivi mariti (Francesco Lombardo, Lorenzo Culicerta e Giovanni Gugliotta), dall’amore degli 8 nipoti (Giovanna, Antonella, Carmelo, Francesca, Sebastiano, Mariella, Giuseppe e Antonio) e deliziato dall’allegria dei suoi 12 pronipoti (Marilena, Giacomo, Giuseppe, Emma, Lorenzo, Greta, Marta, Lorenzo, Giovanni, Francesco, Maurizio e Marco).

Quando chiediamo, con un pizzico di voluta malizia, chi è il preferito dei nipoti, con tono di ammonimento, risponde: “Io non ho nulla da ridire. Quello che sono stato io per loro, ora sono loro per me!”.  Una rara lezione di saggezza!

All’età di tre anni, dunque, assieme alla sorella Paola di poco più grande, va a vivere dal nonno paterno, oltretutto vedovo, poi risposatosi. Aveva compiuto da poco vent’anni quando è stato chiamato alle armi. Viene destinato a Bolzano e da lì, era il 1940, ben presto mandato nella Val di Susa e al Piccolo S. Bernardo, per le vicende belliche che contrapposero l’Italia alla Francia. Era in artiglieria e ricorda perfettamente le battaglie, le sofferenze, la prigionia. Ma allo stesso tempo ricorda anche la maestosità delle Alpi, la neve, il freddo e i rapporti d’amicizia con i commilitoni.

Dopo tre anni torna al paese dove riprende il suo lavoro in agricoltura e si sposa con Antonia Schirò. Avrà tre figlie. Ad Alì continuerà a svolgere una vita semplice, ma intessuta da profondi rapporti d’amicizia e di stima con i compaesani, un’amicizia non virtuale fatta di “like”, ma sincera e basata sul rispetto reciproco, quando ci si guardava negli occhi e ci si stringeva la mano, magari tenendo nell’altra il berretto. Ricorda con nostalgia quegli anni e sono tanti gli eventi che riaffiorano. Racconta anche la sua devozione alla Madonna del Bosco e a S. Agata.

“Eravamo più di trenta i nati di quell’anno – ci ha detto nonno Carmelo -, poi quando siamo giunti ad un’età più avanzata, capitava che ci si incontrava ai funerali dei nostri coetanei. In quelle occasioni spesso pensavamo a chi di noi sarebbe stato l’ultimo a lasciare questo mondo. Ormai da alcuni anni posso dire di essere rimasto solo io”.

Dopo una vita intensa ed attiva, in questi ultimi anni è costretto a casa, per alcuni problemi di salute che non gli consentono di deambulare autonomamente, per questo motivo i festeggiamenti si svolgeranno presso la sua abitazione. Giovedì, 16 gennaio, alle ore 17.00, Padre Vincenzo D’Arrigo celebrerà la S. Messa e subito dopo il signor Carmelo Triolo spegnerà le 100 candeline.

Auguri nonno Carmelo!




twitter logo

"Guarda le braccia aperte di Cristo crocifisso, lasciati salvare sempre nuovamente. #PreghiamoInsieme #VenerdìSanto https://t.co/z572Ux0Sv0"

Tweetato il 10 Aprile da Papa Francesco


s.agata logo
candela

Antonia
per
i propri defunti
22-10-15

candela

Antonio
per
In onore di S. Agata
10-03-15

candela

Agata
per
i propri cari
26-01-15

candela

Maria
per
in onore di S.Agata
16-01-15

candela

Paolo
per
Nonna Sara
28-12-14


fai una donazione e
Accendi una candela


Tutte le Opere Parrocchiali vivono della Generosità delle Vostre Offerte
Versamento su C/C Postale 10633980
intestato a:
Parrocchia S. Agata - ALI'



Tutte le richieste di sottoscrizione/cancellazione richiedono una conferma via mail.