Benvenuti!

CALENDARIO PARROCCHIALE

Settembre

Lunedi 27 · S. Vincenzo de' Paoli

Zc 8,1-8; Sal 101; Lc 9,46-50.

Il Signore ha ricostruito Sion ed e' apparso nel suo splendore.


Martedi 28 · S. Venceslao

Zc 8,20-23; Sal 86; Lc 9,51-56.

Il Signore e' con noi.

S. Messa ore 18.00.


Mercoledi 29 · Ss. Michele, Gabriele e Raffaele arcangeli

Dn 7,9-10.13-14 opp. Ap 12,7-12a; Sal 137; Gv 1,47-51.

Cantiamo al Signore, grande e' la sua gloria.


Giovedi 30 · S. Girolamo

Ne 8,1-4a.5-6.7b-12; Sal 18; Lc 10,1-12.

I precetti del Signore sono retti, fanno gioire il cuore.

S. Messa ore 18.00.


Ottobre

Venerdi 1


Sabato 2


Domenica 3


LITURGIA

23 settembre: S. PIO DA PIETRELCINA

Canonizzato il 16 giugno 2002
22-09-21


Erede spirituale di San Francesco d'Assisi, Padre Pio da Pietrelcina è stato il primo sacerdote a portare impressi sul suo corpo i segni della crocifissione. Già noto al mondo come il "Frate stigmatizzato", Padre Pio, al quale il Signore aveva donato particolari carismi, si adoperò con tutte le sue forze per la salvezza delle anime. Le moltissime testimonianze dirette della "santità" del Frate, arrivano sino ai nostri giorni, accompagnate da sentimenti di gratitudine. Le sue intercessioni provvidenziali presso Dio furono per molti uomini causa di guarigione nel corpo e motivo di rinascita nello Spirito.

Padre Pio da Pietrelcina, al secolo Francesco Forgione, nacque a Pietrelcina, un piccolo paese del beneventano, il 25 maggio 1887. [leggi tutto]


leggi tutte..

Notizie da chiesacattolica.it


mail Contatta la Parrocchia
parrocchia@santagataali.it

VENERDI SANTO: CONTEMPLIAMO IN SILENZIO LA CROCE

P. Vincenzo: «Non deve essere una Pasqua triste, perché Gesù è risorto e la luce ha vinto sulle tenebre e siamo certi che ritornerà la bellezza del tempo, della gioia, sempre dopo il tunnel la luce torna a risplendere».
10-04-20

“O crux, ave spes unica”, “salve o Croce, unica speranza”: così recita l’inizio di una strofa dell’antico inno alla Croce di Venanzio Fortunato, poeta e vescovo di Poitiers.

Oggi Venerdì Santo, impossibilitati a poter celebrare comunitariamente la liturgia della Passione del Signore, vi invito a mettere ben in vista nelle vostre case, un Crocefisso, creando un angolo di preghiera della casa dedicato solo all’incontro con Dio. Oggi la Croce è al centro di questo giorno di silenzio.  Ogni famiglia si metterà dinanzi alla Croce e guarderà Gesù crocifisso: le parole cedano il posto alla contemplazione, al silenzio, un silenzio capace di farci gustare la tenerezza e l’infinito amore di Dio Padre per ciascuno di noi e per tutta l’umanità.

Siamo invitati a sostare in silenzio, in questo giorno santo, dinanzi alla Croce di Cristo, a contemplare il suo amore “sino alla fine” e a riscoprire nell’amore del crocifisso il senso della esistenza, del soffrire e anche del morire: è dalla croce che impariamo ad amare come ha amato Gesù, soprattutto gli ultimi, gli anziani, le persone fragili, i deboli, i poveri, i malati. È, infatti, nel saper guardare la croce che il cristiano diventa adulto nella fede e pieno di umanità nella carità, nella solidarietà, nella condivisione e nell’accoglienza.

Impariamo dal silenzio della Croce, in un tempo segnato dal troppo parlare a proposito o a sproposito, a tacere, a non pretendere di avere sempre l’ultima parola, a non giudicare, a non puntare il dito nei confronti di chi sbaglia, a saper perdonare.  I Vangeli mostrano che Gesù, più si inoltra nella passione, più perdona, più tace ed entra nel silenzio più profondo. Sul Calvario, da mezzogiorno fino alle tre del pomeriggio, ora della morte di Gesù, regnano buio e silenzio: un silenzio che è espressione del mistero d’amore di Dio; un silenzio che ascolta il grido di dolore di una umanità immersa nella disperazione e nell’angoscia; un silenzio che permette di ascoltare i palpiti del cuore di Dio che soffre con noi e per noi in questo difficile tempo di coronavirus; un silenzio che richiama con forza ogni uomo, che sta portando con Cristo in questi giorni il peso della croce e della sofferenza.

Il Venerdì Santo, non è un giorno di lutto: è il giorno del silenzio, dell’attesa, perché Cristo non muore per sempre e la morte non ha l’ultima parola.  Il legno della morte apre la strada alla Domenica di Pasqua durante la quale contempleremo l’annunzio gioioso che Cristo è risorto!

Domani, sabato santo, saremo introdotti nella veglia pasquale attraverso la preghiera e la contemplazione del volto di Cristo, fulgida testimonianza dell’amore di Dio per l’umanità, certezza di vittoria sul male. 

Cari fratelli e sorelle, ritornerà il tempo degli abbracci, della gioia, della fiducia. Questo periodo, così doloroso e duro, forse ci ha aiutato a capire cosa sia realmente la Quaresima: è per noi cristiani l’attraversamento del deserto, ma non per giungere a una terra promessa qualsiasi, ma ad un traguardo unico: la Luce Pasquale, Gesù il Risorto, il Vivente, che è lo stesso ieri, oggi e sempre.

Oggi, Venerdi Santo, guardando la Croce avvertiremo nel silenzio della nostra casa e nel silenzio del nostro cuore che l’Amore ha vinto sul male, che la speranza non delude, che Dio non ci lascia soli, che non deve essere una Pasqua triste, perché Gesù è risorto e la luce ha vinto sulle tenebre e siamo certi che ritornerà la bellezza del tempo, della gioia, sempre dopo il tunnel la luce torna a risplendere.

P. Vincenzo




twitter logo

"Nel #VangelodiOggi Gesù ci esorta: invece di giudicare tutto e tutti, stiamo attenti a noi stessi! Infatti, il risc… https://t.co/DcamFSboRY"

Tweetato il 26 Settembre da Papa Francesco


s.agata logo
candela

Antonia
per
i propri defunti
22-10-15

candela

Antonio
per
In onore di S. Agata
10-03-15

candela

Agata
per
i propri cari
26-01-15

candela

Maria
per
in onore di S.Agata
16-01-15

candela

Paolo
per
Nonna Sara
28-12-14


fai una donazione e
Accendi una candela


Tutte le Opere Parrocchiali vivono della Generosità delle Vostre Offerte
Versamento su C/C Postale 10633980
intestato a:
Parrocchia S. Agata - ALI'



Tutte le richieste di sottoscrizione/cancellazione richiedono una conferma via mail.