Benvenuti!

CALENDARIO PARROCCHIALE

Settembre

Lunedi 27 · S. Vincenzo de' Paoli

Zc 8,1-8; Sal 101; Lc 9,46-50.

Il Signore ha ricostruito Sion ed e' apparso nel suo splendore.


Martedi 28 · S. Venceslao

Zc 8,20-23; Sal 86; Lc 9,51-56.

Il Signore e' con noi.

S. Messa ore 18.00.


Mercoledi 29 · Ss. Michele, Gabriele e Raffaele arcangeli

Dn 7,9-10.13-14 opp. Ap 12,7-12a; Sal 137; Gv 1,47-51.

Cantiamo al Signore, grande e' la sua gloria.


Giovedi 30 · S. Girolamo

Ne 8,1-4a.5-6.7b-12; Sal 18; Lc 10,1-12.

I precetti del Signore sono retti, fanno gioire il cuore.

S. Messa ore 18.00.


Ottobre

Venerdi 1


Sabato 2


Domenica 3


LITURGIA

23 settembre: S. PIO DA PIETRELCINA

Canonizzato il 16 giugno 2002
22-09-21


Erede spirituale di San Francesco d'Assisi, Padre Pio da Pietrelcina è stato il primo sacerdote a portare impressi sul suo corpo i segni della crocifissione. Già noto al mondo come il "Frate stigmatizzato", Padre Pio, al quale il Signore aveva donato particolari carismi, si adoperò con tutte le sue forze per la salvezza delle anime. Le moltissime testimonianze dirette della "santità" del Frate, arrivano sino ai nostri giorni, accompagnate da sentimenti di gratitudine. Le sue intercessioni provvidenziali presso Dio furono per molti uomini causa di guarigione nel corpo e motivo di rinascita nello Spirito.

Padre Pio da Pietrelcina, al secolo Francesco Forgione, nacque a Pietrelcina, un piccolo paese del beneventano, il 25 maggio 1887. [leggi tutto]


leggi tutte..

Notizie da chiesacattolica.it


mail Contatta la Parrocchia
parrocchia@santagataali.it

IN TANTI HANNO VOLUTO SALUTARE GIOVANNA CALMO NEL GIORNO DEL SUO FUNERALE

Era una consacrata nell’Istituto secolare Oblate di Maria Immacolata. Gremita la chiesa e la piazza antistante. Presenti i suoi alunni ed i colleghi di scuola. Sentita e commossa l’omelia di Padre Vincenzo.
13-10-16

I sentimenti che accomunano la nostra presenza in questo momento, se li leggiamo nella loro dimensione terrena, li possiamo certamente ritrovare nei primi versetti delle letture che abbiamo ascoltato, sia la prima lettura tratta dal Libro delle Lamentazioni, sia il brano del Vangelo di Marco.

“Si fece buio su tutta la terra”. E’ il buio dei nostri pensieri e dei nostri cuori quando siamo chiamati a vivere prove come questa. L’improvvisa scomparsa di una persona cara. L’improvvisa scomparsa di Giovanna Calmo.

“Sono rimasto lontano dalla pace”, abbiamo ascoltato anche nella prima lettura, “ho dimenticato il benessere, è scomparsa la mia gloria, la speranza che mi veniva dal Signore”.

La Parola di Dio prima ancora di aiutarci a ritrovare i cammini della fede e della speranza, ci aiuta anche a leggere, con la sincerità dei nostri cuori e dei nostri sentimenti, i momenti spesso “incomprensibili” per la nostra mente, come le prove del dolore, della sofferenza e soprattutto il mistero della morte.

Lasciamoci illuminare dalla Parola di Dio per leggere la prova che il Signore ci chiama oggi a vivere con la scomparsa della nostra cara sorella.

Penso al fratello Benedetto, ai nipoti,                      .

Carissimi, tutta la nostra comunità parrocchiale vi sostiene con la preghiera.

Non solo vi è vicina, ma vive con voi lo stesso dolore e sofferenza.

Ma in questa celebrazione del mistero della Pasqua del Signore chiediamo la grazia del conforto non solo con i sentimenti terreni, ma anche e soprattutto con la nostra fede.

Ciascuno, pur nella sofferenza, è qui con la propria fede.

E’ proprio la consapevolezza della nostra fede che ci invita a ritrovare e soprattutto a vivere questo momento anche con la luce della speranza cristiana.

Le Letture che abbiamo ascoltato, dopo averci descritto i sentimenti terreni, ci “ricordano” il dono di Dio, la Sua presenza rassicurante.

Nella prima lettura, infatti, abbiamo ascoltato ancora nelle Lamentazioni che “Le grazie del Signore non sono finite, non sono esaurite le sue misericordie” e ancora “E’ bene aspettare in silenzio la salvezza del Signore”.

Ecco, affidiamo alla misericordia del Signore le tristezze dei nostri cuori.

E’ Lui stesso che partecipa con la sua “compassione divina” al nostro dolore.

Noi oggi siamo chiamati ad “aspettare nel silenzio”, proprio perché ci sentiamo inadeguati a ricercare nelle parole terrene risposte a prove come questa e il nostro silenzio non vuole essere segno di sconfitta, ma deve essere vissuto nella speranza, aspettando la salvezza del Signore.

Quella speranza che ritroviamo nella pagina del Vangelo, quando Maria di Magdala, Maria di Giacomo e Salòme vanno al Sepolcro. Il loro animo è pieno di angoscia, di paura, di dubbio: “chi ci farà rotolare via il masso dal sepolcro?”

Ma quel masso era già era stato spostato, benché fosse molto grande!

Ecco, il masso del nostro dolore, della nostra angoscia, delle nostre povertà umane. Quel masso è stato “rotolato via” dalla misericordia del Signore e l’angelo dice alle donne: “Non abbiate paura… voi cercate Gesù Nazareno, il crocifisso, è Risorto”.

Siamo entrarti qui, in questa Chiesa,  con quel masso che chiudeva i nostri cuori, ma la Parola di Dio, l’Eucaristia che stiamo celebrando, il dono del Corpo e del Sangue di Cristo, ci aiutano a spostare quel masso, per farci ritrovare sentimenti di speranza in Cristo Risorto.

E’ con la speranza cristiana che oggi vogliamo accompagnare la nostra cara Giovanna nell’incontro autentico con il Risorto. E’ con la speranza cristiana che la vogliamo sempre ricordare nella sua forte e spontanea testimonianza cristiana e di consacrata,  quando da questo ambone proclamava la Parola di Dio, quando portava una parola di conforto agli ammalati e soprattutto quando sosteneva in particolare i giovani,della nostra Parrocchia e suoi alunni, nei loro variegati cammini.

Siamo entrati in questa chiesa certamente un po’ tutti disorientati e attoniti, dobbiamo però uscire, proprio nell’accompagnare Giovanna all’ultima dimora, cogliendo l’invito dell’angelo alle donne del sepolcro: “Ora andate a dire ai suoi discepoli: E’ risorto dai morti. Ecco, io ve l’ho detto”. Dobbiamo uscire con la certezza che Giovanna ha già incontrato il Risorto. Questo è l’unico modo per vivere nella luce della fede questa prova che il Signore ci ha dato, ma soprattutto è l’unico modo per dare un senso autentico alle nostre preghiere di suffragio per la  nostra cara sorella Giovanna.

Preghiere che vogliamo affidare alla materna intercessione della Vergine Santissima. Anche per questo siamo certi che oggi la Madre  parlerà al cuore del fratello, dei nipoti, prenderà per mano Giovanna e la accompagnerà in Paradiso.

Professoressa Giovanna, grazie per l'esempio che  ci hai dato con la tua vita;  grazie per averci insegnato che nelle piccole cose si manifesta la grandezza di una persona.

Il nostro è solo un arrivederci, con la speranza che un giorno potremo riunirci tutti nella casa del Padre.

Padre Vincenzo




twitter logo

"Nel #VangelodiOggi Gesù ci esorta: invece di giudicare tutto e tutti, stiamo attenti a noi stessi! Infatti, il risc… https://t.co/DcamFSboRY"

Tweetato il 26 Settembre da Papa Francesco


s.agata logo
candela

Antonia
per
i propri defunti
22-10-15

candela

Antonio
per
In onore di S. Agata
10-03-15

candela

Agata
per
i propri cari
26-01-15

candela

Maria
per
in onore di S.Agata
16-01-15

candela

Paolo
per
Nonna Sara
28-12-14


fai una donazione e
Accendi una candela


Tutte le Opere Parrocchiali vivono della Generosità delle Vostre Offerte
Versamento su C/C Postale 10633980
intestato a:
Parrocchia S. Agata - ALI'



Tutte le richieste di sottoscrizione/cancellazione richiedono una conferma via mail.